SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Return to House on Haunted Hill

Rating: 2.00/5 (1 Vote)
Return to House on Haunted Hill 2.00 of 5 1 Vote.
Vannacutt Institute. 8 anni dopo la tragedia. Ariel, dopo il suicidio della sorella Sara (una dei due sopravvissuti al massacro) torna alla casa maledetta, spinta dalla morbosa ansia di conoscenza del luogo e delle paure che tormentavano proprio Sara, a cui non aveva mai creduto, e al tempo stesso costretta a ricercare una statuetta di una divinità pagana, Baphomet, che si ritiene si trovi proprio in quell'edificio.
Dentro la haunted mansion si viene a trovare un gruppo eterogeneo, i buoni e i cattivi, (quasi) tutti aventi lo stesso fine e tutti convinti di poter arrestare il suo diabolico meccanismo che li imprigionerebbe.
Ma al male non c'è mai fine. La casa è più viva e più infestata che mai, pronta ad affrontare gli intrusi.

Il sequel del film di Malone (Il Mistero della Casa sulla Collina), remake del cult di William Castle del 1959, si presenta come un horror meno cupo ma più sanguinolento: l'incubo claustrofobico del primo cede il passo ad una minaccia più materiale, costituita dai personaggi antagonisti.
Perchè entrare in una casa maledetta, se non per un tesoro?
L'obiettivo palese dei personaggi è il ritorno a casa (se possibile) con l'elisir, unico movente per tentare una mission impossible in un luogo così malfamato.
La trama non è delle più originali: i fantasmi che mostrano il proprio passato ai vivi, ma in questo caso il rapporto tra vivi e morti si fa più intenso.

La nostra eroina di turno, Ariel, si troverà ad affrontare la maledizione della mansione aiutata da disturbanti visioni e, ovviamente, da una buona dose di fortuna, elementi che riportano i clichè del genere horror-soprannaturale.
Il regista, Victor Garcia, già tecnico degli effetti speciali di Dagon (Stuart Gordon), La Spina del Diavolo e Hellboy di Gullielmo del Toro, porta sullo schermo una massiccia dose di sangue: arti e corpi squarciati, rivoli di sangue degni di veri splatter maniaci.
Il film però non raggiunge, causa la sua prevedibilità, l'effetto di tensione provocato dal suo predecessore.
Il cast riunisce molti giovani attori provenienti dalla fiction TV made in USA, apparsi in celebri serie tra cui OC, C.S.I., e E.R.; resta il malvagio dottor Richard Vannacutt, interpretato dal veterano Jeffrey Combs (attore feticcio di Stuart Gordon ).

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Lunedì, 07 Ottobre 2013
  • Da Super User

Partita la campagna Kickstarter per Nevermore, l'ultimo film di Stuart Gordon

  • Martedì, 29 Marzo 2011
  • Da Super User

David Gordon Green annuncia che il suo prossimo film potrebbe essere il Remake di Suspiria

  • Venerdì, 09 Marzo 2012
  • Da Super User

Venerdì Trailer - Re-Animator di Stuart Gordon

  • Venerdì, 11 Novembre 2011
  • Da Super User

The Uh-oh Show - Il ritorno di Herschell Gordon Lewis, the Godfather of Gore

  • Lunedì, 11 Aprile 2005
  • Da Maxena

Delirio di Sangue

  • Giovedì, 18 Settembre 2008

La Casa Maledetta

  • Giovedì, 26 Settembre 2002
  • Da Marco Viola

Haunting: Presenze

  • Giovedì, 02 Dicembre 2010

The Haunted House Project

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort