SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Qualcosa Striscia nel Buio

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Qualcosa Striscia nel Buio 3.00 of 5 1 Vote.

Non fosse stato per questo film, opera seconda e ultima, nessuno ricorderebbe Mario Colucci se non per un pugno di sceneggiature neanche troppo interessanti nel genere thriller italiano.

A dir la verità neancheQualcosa striscia nel Buio è da considerare poi un prodotto significativo, non fosse per l'uso sapiente delle atmosfere soprannaturali che esala la pellicola, mantenendo un buon equilibrio di attenzione all'interno di un plot dove praticamente non accade nulla, non si vede niente e tutto si conclude con una serie di rumoracci, risate sataniche e tremolii di porte e mura.

Del resto il tema della presenza invisibile è uno dei più economici nel cinema horror e infatti ha rappresentato, sopratutto nel periodo fine sessanta inizi settanta, uno degli argomenti prediletti per un cinema povero di mezzi come quello italiano. Povero di mezzi si ma, intendiamoci, ricco di idee e sopratutto di espedienti. La storia sembra quasi un remake dell'ottimo Contronatura di Margheriti, anche se qui le atmosfere morbose ed equivoche latitano, qualche nudo di ripiego lo si trova sopratutto grazie a Giulia Rovai, la ragazza di Joe (Gianni Medici), il proprietario della villona dove un gruppo di viaggiatori notturni si rifugia a seguito della piena che ha interrotto la strada nel bel mezzo della notte.

Fra i viandanti c'è anche un terribile serial Killer, Spike (Farley Granger), e l'ispettore di polizia (Dino Fazio), che lo ha arrestato dopo un forsennato inseguimento automobilistico. Il gruppo si ritrova quindi sotto il tetto della malvagia Lady Marlowe, defunta nobile lasciva e perversa che anche dall'aldilà troverà il modo di uccidere e terrorizzare i suoi ospiti.

Si deve dare atto a Loredana Nusciak di essere l'unica attrice al mondo ad interpretare il film solo in fotografia, Resta comunque una presenza inquietante che pervade tutto il film fino alla sua chiusura. Insomma Colucci riesce a fare un horror dove il mostro è costituito da una foto in bianco e nero e questo è un merito non da poco (chisà quanti registi nipponici ci hanno ricamato sopra nei loro film!), per il resto siamo di fronte ad un prodotto medio dell'epoca, onesto nell'insieme ma non memorabile.

Nel cast anche Lucia Bosé e il sempiterno Giacomo Rossi-Stuart, presenza imponente e immortale del nostro cinema ma sopratutto del cinema di genere.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Sabato, 07 Aprile 2012
  • Da Super User

Il Buio Intorno di Marcello e Nicola Mercalli riemerge dall'Inferno - Nuovo Trailer e Storyboard Animato in Esclusiva

  • Lunedì, 17 Maggio 2004
  • Da Lercio

Virus: L'Inferno dei Morti Viventi

  • Lunedì, 23 Gennaio 2012
  • Da Salvatore Margiotta

Non avere paura del Buio

  • Mercoledì, 09 Febbraio 2011
  • Da Super User

Il Buio intorno: un Film potenzialmente imperdibile scomparso nel nulla...

  • Martedì, 26 Novembre 2013
  • Da Super User

Colpi Nel Buio il primo romanzo di Serena Aronica

  • Domenica, 05 Giugno 2005
  • Da Lucafly

Tutti i Colori del Buio

  • Venerdì, 12 Ottobre 2012
  • Da Francesco Scardone

Prometheus [3]

  • Martedì, 28 Settembre 2010
  • Da Super User

30 Giorni di Buio 2 - Dal 20 Ottobre a Noleggio in DVD e Blu-ray in Italia

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort