SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Ora Pro Nobis (Cortometraggio)

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Ora Pro Nobis (Cortometraggio) 3.00 of 5 1 Vote.

Per dimenticare una storia difficile, Luca accompagna il suo migliore amico a trovare una prostituta per svagarsi. Una volta scelta, i tre si dirigono in una chiesa apparentemente abbandonata per consumare il rapporto sessuale. Ma la chiesa è tutt'altro che abbandonata...

Questa la sinossi dell'ultimo cortometraggio horror/splatter diretto dai fratelli Roberto (Dylan Dog: Il Trillo del Diavolo, A.Z.A.S.) ed Eros (Mind Trip) D'Antona e prodotto da Fabbro S.p.A., in collaborazione con Grage Picturese Indieworks. Partiamo subito col dire che questo cortometraggio è tecnicamente eccezionale. Raramente ho visto lavori così curati, a partire da un cast di attori perfetti nei rispettivi ruoli. Mirko D'Antona interpreta l'amico di Luca e la sua faccia incazzata è adatta al ruolo, niente male Barbara de Florio nel ruolo della prostituta e anche i due villain, pur comparendo per breve tempo incutono il giusto timore nello spettatore. Il personaggio migliore però è quello di Luca, interpretato da Roberto D'Antona, il simpaticone dei tre che nella sua stupidità ci regala le battute migliori.

Il cortometraggio è un dichiarato omaggio a La Casa e La Casa 2 (ma anche agli splatter di serie B che circolavano nei cinema grindhouse...basti notare la pellicola rovinata). Lo si nota nell'ironia e nel grottesco che permeano Ora Pro Nobis (il dito mozzato che paradossalmente non perde sangue, il killer che offre una canna a uno dei protagonisti prima di ammazzarlo). Inoltre numerose inquadrature, soprattutto carrellate e zoomate improvvise, rimandano al cinema del maestro Sam Raimi. Oltre all'ottima scelta delle inquadrature, aggiungiamo le ottime e azzeccatissime musiche curate da Olsi Baba e la splendida fotografia di Eros D'Antona, buia e grigia nelle scene in esterna e chiara e luminosa quando i protagonisti si muovono all'interno della chiesa per simboleggiare un senso di protezione che però svanisce in fretta quando i nostri si accorgono di non essere più soli. La storia non è originale, ma lo sceneggiatore Filandro Savino riesce a non renderla banale, grazie alla scelta di minimizzare i rapporti tra i 5 personaggi e concentrarsi sulle azioni di quest'ultimi. Azioni che portano a un finale ad effetto che continua anche dopo i titoli di coda.

In conclusione Ora Pro Nobis vuole essere un omaggio agli horror di serie B anni 80' e riesce pienamente nel suo intento regalando 11 minuti di splatter e divertimento puro, senza disdegnare momenti ironici e un lato tecnico mostruoso. Uno dei cortometraggi splatter più riusciti che abbia mai visto in vita mia.

Vivamente consigliato.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Martedì, 09 Luglio 2013

Ora Pro Nobis

  • Mercoledì, 19 Giugno 2013
  • Da Joomla\CMS\User\User

Happy Easter Cortometraggio di Simone Chiesa/Roberto Albanesi

  • Mercoledì, 28 Dicembre 2011
  • Da Salvatore Margiotta

Non nel Mio Giardino (Cortometraggio)

  • Mercoledì, 05 Novembre 2014
  • Da Laura Da Prato

Nuit Americhèn - Recensione Cortometraggio

  • Giovedì, 23 Ottobre 2014
  • Da Paolo Spagnuolo

Horror Comics #1: Drops - Recensione Cortometraggio

  • Venerdì, 03 Febbraio 2012
  • Da Super User

Natura Morta - Il Corto Horror di Luca Simon Biccheri

  • Sabato, 18 Settembre 2010
  • Da Paolo Spagnuolo

The Killer Lasagna (Cortometraggio)

  • Mercoledì, 07 Novembre 2012
  • Da Francesco Scardone

ParaNorman

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort