SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Occhi di Cristallo

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Occhi di Cristallo 3.00 of 5 1 Vote.
Dal romanzo di Luca Di Fulvio, L'Impagliatore, edito da Marzia, Eros Puglielli realizza per una produzione Italo/Spagnola un buon thriller a tinte forti dalle diverse sfaccettature. In una imprecisata città europea, che dovrebbe essere italiana ma rivela spesso caratteristiche straniere, il commissario Amaldi indaga sugli efferati omicidi di un serial killer. Lo psicopatico dopo aver ucciso le sue vittime, ne estirpa delle parti sostituendole con quelle di una bambola antica. Le indagini lo ricollegano all'incendio di un orfanotrofio avvenuto decine di anni prima. Il poliziotto dovrà risolvere i propri fantasmi interiori per riuscire a fermare la follia omicida dell'assassino.

Dopo il low-budget Dorme e Tutta La Conoscenza del Mondo, Eros Puglielli, giovane regista romano, ha la possibilità di cimentarsi con un film di genere da un budget sostanziale e che gli offre anche una sufficiente libertà artistica. Per fortuna Occhi di Cristallo non delude le aspettative. Puglielli e Ferrini risolvono nella sceneggiatura quasi tutte le sbavature e i difetti del romanzo del giallista Di Fulvio. Con grande mestiere, il regista struttura il film in modo che le varie parti diventino meno banali. Purtroppo alcuni personaggi rimangono stereotipati e a volte i dialoghi risultano un pò troppo forzati senza però intaccare in particolar modo l'atmosfera della pellicola. Il cast artistico è quasi esclusivamente spagnolo, al di là del nostro Luigi Lo Cascio, ultimamente gettonatissimo e per la prima volta protagonista in un film di genere. Senza voler essere campanilisti, si può tranquillamente dire che l'attore palermitano spicca per bravura su tutto il cast che comunque può contare su diversi buoni caratteristi iberici come Josè Angel Egido e Simon Andreu. Non possiamo dire la stessa cosa della protagonista femminile, Lucia Jimenez, che si rivela eccessivamente statica anche per il suo personaggio simile a mille altri già visti.

In definitiva, comunque, Occhi di Cristallo è un buon 'whodonit' come lo chiamerebbe Hitchcock, cioè un thriller-giallo a soluzione finale dove la capacità del regista sta nello sviare lo spettatore quel giusto tanto da non riuscire a fargli intuire l'identità del colpevole di turno. La visione di scene notevolmente cruente è per certi aspetti una novità per la media di film italiani degli ultimi (troppi) anni e sicuramente è dovuta alle richieste dei produttori spagnoli, il cui pubblico è più abituato ed attratto dalla presenza del sangue. Alcuni omicidi (su tutti il primo) sono di forte impatto visivo e contribuiscono a colpire lo spettatore. Anche se la pellicola è stata paragonata ai lavori Argentiani, troviamo molto personale e moderno lo stile di Puglielli, il quale dimostra di saper gestire egregiamente sia i momenti più dinamici del lungometraggio, che quelli di pura tensione. Dato che la nostra storia cinematografica recente è povera di pellicole di questo tipo accogliamo positivamente Occhi di Cristallo e ci auguriamo che non rimanga un caso isolato.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Lunedì, 08 Ottobre 2012
  • Da Paolo Spagnuolo

Preludio (Cortometraggio)

  • Mercoledì, 06 Ottobre 2010
  • Da CuciBoy

Buried: Sepolto

  • Venerdì, 07 Giugno 2013
  • Da Alberto Genovese

Maniac (Remake) [2]

  • Sabato, 26 Marzo 2011
  • Da Francesco Scardone

Sucker Punch

  • Martedì, 09 Luglio 2013
  • Da Super User

Ora Pro Nobis - Trailer e Immagini in Esclusiva per il Corto Horror di Eros & Roberto D'Antona

  • Sabato, 25 Giugno 2005
  • Da Lucafly

L'Uccello dalle Piume di Cristallo

  • Sabato, 19 Marzo 2011
  • Da Giorgio Santangelo

Opera

  • Venerdì, 19 Novembre 2010
  • Da Giorgio Santangelo

Il Segreto dei suoi Occhi

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort