SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Nekromantik 2

Rating: 2.00/5 (1 Vote)
Nekromantik 2 2.00 of 5 1 Vote.
Breve premessa su Buttgereit.
1)Ipse dixit: Sono stato rifiutato dalle scuole di cinema, quindi mi sono messo a fare film per conto mio.
Non sorprende, dunque, l'ammirazione sconfinata del regista tedesco per John Waters e il suo approccio pragmatico di ripresa, filmmaking nel vero senso della parola.
E' la poetica dell'Uomo con la Macchina da Presa: tutto ciò che serve è la pellicola da impressionare. La pellicola e un'idea.
2)Si sa che in campo artistico non c'è miglior veicolo pubblicitario dello scandalo: ecco quindi che un giovane nerd cresciuto a pane, kaiju eiga e horror Universal prende una 16mm e gira Nekromantik. Si tratta di un film che, aldilà di lecite speculazioni filosofiche (Eros/Thanatos, eccetera), è il dito medio alzato di un outsider verso il sistema, sia esso il cinema di papà o l'establishment borghese in generale. In una parola: terrorismo.Questi sono i due punti attorno ai quali ruota la mia personale opinione su Buttgereit: un giovane turco dello splatter cui si devono perdonare evidenti limiti, imperfezioni e ingenuità tecniche per la foga e l'amore (in una parola: la passione) con cui fa cinema. Per la dimensione autodidatta-artigianale-sovversiva del suo lavoro, Buttgereit merita rispetto, non compassione e condiscendenza (sto pensando al meraviglioso fallito Ed Wood).
Finita la premessa, veniamo a Nekromantik 2.
L'idea di realizzare il seguito di Nekromantik non stupisce, spaventa: la ben nota legge del sequel, infatti, stabilisce che la qualità del film diminuisce all'aumentare del numero di fianco al titolo. Tuttavia un budget più corposo del solito fa ben sperare per questo Nekromantik 2.
Speranze deluse, perchè la legge del sequel si abbatte inesorabile anche su questo progetto.Innanzitutto il film soffre di crisi di identità, scisso tra sequel e remake (vedi i vari Indiana Jones e Ritorno al futuro), tra flashback e déja-vu. Poi c'è il problema della durata. Nekromantik 2 è un film gonfiato: è evidente dai numerosi inserti (tra cui il divertente film nel film), note di colore che finiscono per prendere il sopravvento su una storia raccontabile in 70 minuti (non a caso, la durata del Nekromantik originale). Sul piano del ritmo, dunque, la visione risulta appesantita da un discutibile gusto per i tempi morti antinarrativi, pecca che purtroppo affliggerà anche Schramm, film-feticcio di coloro che vedono in Buttgereit l'alfiere di un nuovo cinema gore esistenzialista.
Terzo e ultimo problema: la fotografia, che personalmente ho trovato troppo pulita, troppo televisiva, se paragonata al super8 pastoso e malato di Nekromantik.Certo, lo splatter è sempre ad alti livelli sia per quantità che per qualità, con una menzione speciale per il finale, piccolo capolavoro di humor nero. Resta tuttavia l'impressione di un film nato morto, di un esercizio di stile masturbatorio, di un'autopsia-rimontaggio di Nekromantik.
Forse proprio per questo Nekromantik 2 è il film più necrofilo della storia del cinema. Piacerà ai cinecrofili.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Martedì, 05 Aprile 2005

Nekromantik

  • Lunedì, 29 Giugno 2009

Nekromantik 2

  • Martedì, 01 Giugno 2010
  • Da Super User

The Chasing World 2 (Real Onigokko 2) - I Primi 5 Minuti in Anteprima

  • Mercoledì, 01 Febbraio 2006
  • Da Staff

The Toxic Avenger 2

  • Giovedì, 11 Ottobre 2012
  • Da Super User

Nuovo Teaser Poster per Texas Chainsaw 3D e riflessioni sul film

  • Sabato, 09 Luglio 2005
  • Da Andrea Lanza

Snakeman: Il Predatore

  • Lunedì, 05 Dicembre 2011
  • Da Fabio Zanchetta

The Gerber Syndrome

  • Lunedì, 17 Febbraio 2014
  • Da Dj Mayhem

Robocop (Remake)

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort