SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Le Porte del Silenzio

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Le Porte del Silenzio 3.00 of 5 1 Vote.
Ultimo film diretto da Lucio Fulci, che sarebbe morto da lì a pochi anni (1995) e che, non a caso, ha la morte come tema principale, quasi come se il regista, già sofferente per la malattia, fosse consapevole del destino a cui stesse andando incontro. Un film piuttosto insolito per nonno Lucio, sebbene avesse diretto pellicole di ogni genere (il suo nome è accostato a molti dei successi della coppia Franco e Ciccio), perché Le Porte del Silenzio è un film atipico e singolare, non è un thriller, di certo non un horror, forse lo si potrebbe catalogare come una commedia nera, cupa, dove la presenza soffocante della morte si trascina per tutti i 90 minuti.
Interpretato da John Savage (volto noto della tv per aver interpretato il colonnello Lydecker nella serie Dark Angel) Le Porte del Silenzio è la storia di un viaggio per la Louisiana, da New Orleans, dove Melvin Devereux è al cospetto della tomba del padre Richard, ad Abbeville, dove risiede la sua casa. Il viaggio però non sarà così facile perché il tragitto è costellato di incindenti, interruzioni stradali, impantanamenti, scorciatoie su strade sterrate, aquitrini, ponti di legno pericolanti, una misteriosa donna che Melvin non comprende cosa voglia da lui, ed infine un carro funebre che gli sbarra strada più volte nel corso del viaggio. Melvin pare ossessionato da questo carro funebre che, nonostante le deviazioni e gli incidenti, se lo trova sempre di fronte senza lasciarlo passare, un'ossessione che nasce prima dalla curiosità, in quanto entrambi hanno la medesima destinazione, e poi per degli indizi che lo inquietano e che lo spingono sempre più ad agire per scoprire chi c'è dentro quella bara.Fulci dirige magistralmente John Savage in un percorso attraverso la Louisiana, mostrandoci le cittadine desolate di questo stato, le paludi e gli acquitrini che la caratterizzano (vedere I guerrieri della palude silenziosa di Walter Hill), ma anche un funerale cristiano battista in cui la comunità afroamericana canta i caratteristici spirituals. Sì, perché il regista non si limita a mostrarci il paesaggio decadente, ma cerca di coinvolgere lo spettatore anche con la musica che ha reso famosa New Orleans, a partire dai canti della comunità afro alle composizioni della Franco Piana Big Band, la quale ci accompagna nel viaggio con una colonna sonora jazz e rhythm'n'blues che ben si adatta alla pellicola. C'è anche lo spazio per Fulci di portarci, attraverso un sempre più disperato Melvin Devereux (anche il cognome francofono ci permette di accostarlo alla comunità cajun delle paludi) da una chiromante in questa terra che è famosa per il voodoo e la magia tribale.Nonostante si intuisca già a metà film quale sarà l'epilogo della vicenda, si rimane comunque attratti e coinvolti nel viaggio di Melvin che, sebbene dia l'impressione di capire cosa gli stia capitando, non sembra darsene una ragione e quindi accettare la realtà. Quel sole in tramonto che lo abbaglia ogni volta che si trova dietro al carro funebre, l'orologio dell'auto che segna sempre la stessa ora, il tentativo sempre vano di superare l'auto con la bara che ricorda Duel (Steven Spielberg, 1971), gli inutili sforzi di provare a chiamare casa e l'ossessione che spinge Melvin a scoprire un pezzo alla volta di chi è la bara trasportata coinvolgono lo spettatore in una vera e propria spirale fino all'ineluttabile finale.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Martedì, 03 Dicembre 2013
  • Da Super User

The Walking Dead Stagione 4 Episodio 8 - Indietro non si torna (Too Far Gone)

  • Mercoledì, 02 Aprile 2014
  • Da Super User

Cosa è la PAURA? Ce lo spiega Lucio Fulci in un messaggio dedicato ai suoi Fans

  • Giovedì, 17 Marzo 2011
  • Da Super User

Umberto Lenzi e Lucio Fulci: I Camaleonti della Settima Arte

  • Lunedì, 10 Ottobre 2005
  • Da chainsawmax

La Zona Morta

  • Giovedì, 17 Novembre 2005
  • Da Marco Viola

Hannibal

  • Domenica, 30 Settembre 2012
  • Da Super User

Midway: Tra la vita e la morte - Un film di John Real

  • Lunedì, 12 Marzo 2012
  • Da Super User

Terzo posto in Italia per John Carter, che in Usa non riesce a scalzare Lorax. Flop per The Silent House

  • Venerdì, 05 Novembre 2010
  • Da Francesco paolo Cinconze

Day of the Dead 2: Contagium

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort