SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

La Notte dei Resuscitati Ciechi

Rating: 1.00/5 (1 Vote)
La Notte dei Resuscitati Ciechi 1.00 of 5 1 Vote.
Un dottore alle prime armi alla infruttuosa ricerca di un posto di lavoro, si trasferisce in un piccolo villaggio assieme alla sua consorte. Durante la permanenza strani avvenimenti si parano dinnanzi agli occhi dei due: verranno infatti a conoscenza delle bizzarre usanze della sparuta popolazione che a notte fonda aderisce a una processione tenuta su una spiaggia accanto alla scogliera. Poco alla volta scopriranno che i fautori del mistico rituale sono i terribili Cavalieri del Mare, i quali sacrificano giovani e belle fanciulle in onore di un ameno dio marino, ponendo il cuore strappato dal petto delle malcapitate, nella bocca della divinità. Nel frattempo la coppia ospita un personaggio debole e indifeso affetto da problemi psichici il quale, perseguitato, causa i suoi handicap, dalla popolazione, cerca un insperato riparo nella dimora dei due coniugi. Il trio cercherà di fermarli erigendosi paladini dei deboli.Diretto da Amando de Ossorio, a detta di molti definito la risposta spagnola a Gorge A. Romero, questo Terror Beach è il quarto capitolo di una tetralogia dedicata ai Cavalieri Templari, avviata con il sufficiente Le Tombe dei Resuscitati Ciechi, proseguita con La Cavalcata dei Resuscitati Ciechi e La Nave Maledetta e costituisce l'ultimo infausto baluardo. Il prodotto finale è di una desolazione totale. Primo step: i due protagonisti sono quanto di più riciclato possa esserci. Vi è lo scettico dottore che minimizza il pericolo incombente con frasi che lasceranno lo spettatore incredulo e la moglie, perennemente raggelata dalla paura. Permeato da una lentezza esasperante che distorce l'effettiva durata dell'opera (beh si fa per dire), produce un effetto soporifero sullo spettatore insonne. I redivivi cavalieri si muovono goffamente, causa la loro cecità e sono, sostanzialmente, costituiti da uno scheletro che si può comunemente rinvenire nell'infermeria della scuola e incappucciati da un tragico e logoro mantello, animati da un virulento dio del mare che costituisce il cardine del loro potere, colui che li anima e confluisce loro forza e vigore. In questo capitolo li vediamo viaggiare su indomiti destrieri per arrivare più velocemente alla vittima.Per il resto la regia è talmente priva di mordente da far calare in fretta l'attenzione del già esausto spettatore. La tensione è pari a zero, gli effetti anche. A parziale attenuante bisogna constatare la pochezza dei mezzi a disposizione, il budget infimo e una storia che aveva già detto tutto nei precedenti episodi, sicuramente di miglior fattura e spessore. Da evitare, senza mezzi termini.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Mercoledì, 26 Gennaio 2011
  • Da Paolo Spagnuolo

La Notte delle Streghe

  • Mercoledì, 01 Dicembre 2004
  • Da Roland

La Notte dei Vampiri

  • Lunedì, 21 Giugno 2004
  • Da Za-lamort

The Dead Hate the Living

  • Giovedì, 04 Aprile 2013

La Notte del Giudizio (The Purge)

  • Lunedì, 22 Ottobre 2012
  • Da Super User

Meno 10: Halloween 2012 - Documentario sulle location originali del Film di John Carpenter e Galleria Immagini

  • Martedì, 24 Gennaio 2006
  • Da Sabina Mazzoldi Pfeifer

Trappola in fondo al Mare

  • Martedì, 18 Marzo 2014
  • Da Alberto Genovese

300 L'Alba di un Impero [2]

  • Mercoledì, 16 Marzo 2005
  • Da Salvatore Mennea

Nosferatu: Il Principe della Notte

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort