SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

L'Uomo dagli Occhi a Raggi X

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
L'Uomo dagli Occhi a Raggi X 3.00 of 5 1 Vote.
Il Dott. James Xavier, rinomato luminare nel campo dell'oculistica e della fisica, scopre un siero che una volta inoculato permette la visione attraverso le cose. Si tratta di una vera e propria visione a raggi X: a seconda del quantitativo di liquido a contatto con la retina la visione diventa sempre più potente, superando il range umanamente visibile, fin oltre l'ultravioletto. Inizialmente lo scienziato sembra anche divertito (oltre che affascinato) dal potere acquisito, fin quando la visione arriva solo attraverso i vestiti. Quando Xavier uccide inavvertitamente il suo collega Dr. Brant, è costretto a fuggire ed a nascondersi dalla polizia. Rifugiatosi in un luna-park, allestisce una sorta di studio privato sotto falso nome dove usa il pretesto di leggere le menti.In realtà cerca di aiutare le persone colpite da tumori o altri mali, guardandole con la sua vista a raggi X sempre più sviluppata. Gli avvenimenti cominciano però a precipitare: Xavier comincia ad essere perseguitato non solo dalla legge ma soprattutto dalla sua stessa scoperta; il suo siero comincia ad avere effetti incontrollabili, andrebbe studiato ma non ce né il tempo e i mezzi, gli occhiali che gli permettevano una vista normale sono perduti. Il siero comincia a mostrare sempre più un mondo astratto ed angosciante, la mente del dottore è sottoposta a terribili stress causati dal mondo irreale che vede. Atroce e sconvolgente la rivelazione finale. Preziosa gemma del fanta-horror anni 60', L'uomo dagli occhi a raggi X (X) è rimasto nel cuore degli amanti dell'indimenticabile cinema cormaniano. Spesso sottovalutato, il film vede un Ray Milland in grandissima forma, perfetto nel ruolo del geniale scienziato che si ritrova a sacrificare se stesso per la conoscenza. Il Dott. Xavier è da includere nella lista degli scienziati puristi del cinema fantastico (vedi ad esempio Seth Brundle de La Mosca di Cronenberg): il loro anelito è di cercare di capire a fondo le loro scoperte, usando quasi sempre se stessi come cavie, anche a costo di inquietanti conseguenze.Il film, a dispetto di una confezione da B-movie (un marchio di fabbrica di Corman), racchiude in realtà un inquietante messaggio di fondo: cosa c'è oltre la limitata visione di un decimo dello spettro della luce? Cosa significherebbe vedere l'intero spettro? La risposta non è certo delle più rassicuranti, racchiudendo una profonda riflessione filosofica ed una pessimistica visione di fondo. Ma la verità è ancora oscura. La curiosità dello scienziato è all'inizio soddisfatta nell'ilare scena del party, dove il dottore vede attraverso i vestiti degli invitati. Ma presto la personalità di Xavier viene sopraffatta da incontrollabili attacchi di paranoia e follia. L'uomo non è pronto a sopportare un mondo spaventoso, fatto perlopiù di scheletri, di palazzi sventrati, di un sole abbacinante. Il siero ha un effetto rigenerativo: più lo si usa più si ha la possibilità di vedere oltre, di vedere attraverso tutto ciò che ci circonda, senza più limiti tangibili. Di vedere ciò che l'uomo non dovrebbe mai vedere e mai sapere: il centro dell'universo. Corman riesce a scandire davvero magistralmente i tempi nella sceneggiatura e nel montaggio; la vicenda ha ritmo, ed il susseguirsi di eventi e di climax fanno di questo film a basso costo uno dei più mozzafiato della sconfinata filmografia cormaniana. Gli effetti speciali, come facilmente intuibile, non sono dei migliori neanche per l'epoca. Ciò nonostante le sconvolgenti visioni dello scienziato, realizzate con filtri colorati ed effetti ottici sulla pellicola, funzionano a meraviglia rendendo L'uomo dagli occhi a raggi X un vero e proprio cult-movie.L'angoscioso finale è davvero memorabile, con i suoi dilemmi esistenzialistico/religiosi; la scena nella chiesa è da antologia del cinema horror, assolutamente indimenticabile. Un bellissimo classico assolutamente da non perdere, per quanto sia abbastanza impossibile trovarne una copia in vhs.

 

Articoli correlati
Film
  • Sabato, 01 Gennaio 2005

L'Uomo dagli occhi a raggi X

Dr. Xavier: Siamo ciechi a tutto tranne un decimo dell'universo. Dr. Brand: Mio caro amico, solo gli dei vedono tutto. Dr. Xavier: Mio caro dottore, io mi sto avvicinando agli dei!

Altri articoli
  • Martedì, 12 Ottobre 2010
  • Da Super User

Niente Occhiali da Sole per il Remake di Essi Vivono (They Live)...Cosa???

  • Mercoledì, 23 Dicembre 2009
  • Da Dj Mayhem

Il Gatto dagli Occhi di Giada

  • Mercoledì, 01 Novembre 2006
  • Da Paolo Spagnuolo

1975: Occhi bianchi sul Pianeta Terra

  • Venerdì, 11 Luglio 2014
  • Da Aleksandar Zivojinovic

Godzilla 2014 - Recensione Film

  • Giovedì, 10 Dicembre 2009

Il Gatto dagli Occhi di Giada

  • Lunedì, 29 Marzo 2004
  • Da Lercio

Undead

  • Mercoledì, 06 Ottobre 2010
  • Da CuciBoy

Buried: Sepolto

  • Venerdì, 07 Marzo 2014
  • Da Mirko Capotosto

Benvenuti a Zombieland [2]

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort