SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Il Soffio del Diavolo

Rating: 2.00/5 (1 Vote)
Il Soffio del Diavolo 2.00 of 5 1 Vote.
Corey, perseguitato da strani incubi che hanno come protagonisti i suoi nonni, morti anni prima in circostanze misteriose, deciderà di recarsi insieme alla sua fidanzata nella vecchia casa di questi ultimi, con l'intento di chiarire una volta per tutte cosa sia accaduto fra quelle mura. Una volta giunti sul posto però, i ragazzi avranno una spiacevole sorpresa: oltre ad un'atmosfera cupa ed ostile, dell'abitazione non rimane altro che un mucchio di macerie. Solo la porta d'ingresso e parte della facciata sono rimaste stranamente integre. La coppia, accompagnata da alcuni amici, deciderà quindi di tornare indietro, ma presto i ragazzi non solo scopriranno di essere rimasti prigionieri di quel luogo maledetto, ma anche che varcare quella strana porta, che pare condurre verso una dimensione parallela, potrebbe consistere la loro unica via di fuga. Sessant'anni prima infatti, attraverso una serie di riti magici, i nonni di Corey aprirono un varco verso un altro mondo, liberando una spaventosa forza maligna.


Charles Philip Moore, qui al suo debutto cinematografico, prendendo spunto da diversi altri film (in primis Evil Dead), sceneggia e gira questo lungometraggio che ripresenta il tema più volte affrontato delle case infestate da esseri demoniaci. Il regista, forse anche per il budget piuttosto basso, si è servito di un cast di giovanissimi esordienti, trasformandoli, uno per uno, nei classici stereotipi che caratterizzano il gruppo di teenagers da film dell'orrore: il palestrato scemo con bella ragazza al fianco, il buffone, il protagonista serio, deciso e pronto a tutto e così via. Nella prima parte del film si respira una buona atmosfera; l'idea della casa in rovina e della porta che dà su un mondo parallelo è interessante; peccato però che diverse trovate assurde rendano l'intera storia decisamente inverosimile e campata per aria. Una stazione di servizio sperduta in una campagna con il nulla attorno, uno scheletro umano che, sfruttando ogni legge della gravità, rimane miracolosamente appeso ad una croce, una ragazza che, trasformatasi in una bambola, non sortisce la minima reazione da parte dei suoi compagni, sono solo alcuni demenziali esempi che troverete nel corso della pellicola.


Una volta oltrepassata la soglia di quella porta che sembrava condurre nel nulla, la comitiva si troverà nella casa ai tempi in cui era ancora ancora intatta, divenendo immediatamente preda di un'orda di creature demoniache, in un contesto molto simile a quello delle Case di Sam Raimi (almeno qui il Necronomicon non è presente). Buono il Make-up e gli effetti splatter, composti da esplosioni di liquami colorati (somiglianti a quelli già visti in Horror In Bowery Street di Jim Muro) realizzati da uno staff di ben dodici persone; mediocri invece gli effetti visivi dei lampi, che forse il regista avrebbe potuto evitare. Se, come già detto, nella prima parte de Il Soffio del Diavolo, la discreta atmosfera promette degli interessanti sviluppi nella vicenda, nella seconda, la poca originalità ed una lunga serie di incongruenze farà sprofondare questi buoni propositi nella noia assoluta. Questo difetto è sicuramente dovuto ad una sceneggiatura poco fantasiosa che non introduce praticamente nulla a tutto ciò che si è già visto nel panorama delle case maledette. Peccato, anche perchè la qualità registica di Moore viaggia comunque su livelli soddisfacenti.

La fotografia è affidata ad un esperto del calibro di Joel Sussman, che ha lavorato anche con Cronenberg, anche se in questa occasione non si può certo dire che abbia fatto dei miracoli, anzi. Azzeccate le musiche, molto elettroniche e mai banali nella loro esecuzione, nonostante ricordino un pò troppo da vicino quelle realizzate da John Carpenter per molti dei suoi film.

Il Soffio del Diavolo si può in definitiva considerare come uno dei tanti titoli horror di cassetta presenti sul mercato, diretto con poca inventiva ed originalità da un Charles Philip Moore probabilmente più interessato a farsi conoscere nell'ambiente cinematografico piuttosto che a realizzare qualcosa di veramente valido. La conferma di questo sta proprio nel fatto che quest'ultimo, in futuro, prediligerà occuparsi prevalentemente di action movie invece che di film horror.Curiosità: Il budget de Il Soffio del Diavolo è stato di 300.000 dollari. Nel 1973 il regista Mende Brown diresse The Evil Touch (Il tocco del diavolo), un serial tv Horror. Giusto per creare un pò di confusione, in Italia i distributori hanno ben pensato di commercializzare gli episodi della serie in due VHS separate, intitolandole rispettivamente Il Soffio del diavolo I & II: Storie dell' impossibile. Nel 90 hanno poi chiamato con lo stesso nome anche il film di Charles Philip Moore.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Lunedì, 19 Aprile 2004
  • Da Lercio

Basket Case 2

  • Martedì, 13 Marzo 2012
  • Da Super User

L'Altra Faccia del Diavolo - In Esclusiva il Backstage dell'Anteprima Demoniaca del Film a Roma

  • Domenica, 29 Luglio 2012
  • Da Giorgio Santangelo

Dylan Dog - Il Trillo del Diavolo

  • Lunedì, 19 Aprile 2004
  • Da Lercio

Basket Case

  • Mercoledì, 22 Ottobre 2014
  • Da Marco Viola

31 di Rob Zombie - Sarà il mio Film più Brutale

  • Giovedì, 06 Luglio 2006
  • Da Sabina Mazzoldi Pfeifer

La Spina del Diavolo

  • Mercoledì, 17 Luglio 2013
  • Da Dj Mayhem

Oltre il Guado - Across the River

  • Lunedì, 30 Gennaio 2012
  • Da Super User

Il regista di The Grey, Joe Carnahan, scelto dalla MGM per il remake de Il Giustiziere della Notte

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort