SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

I Bambini di Cold Rock [3]

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
I Bambini di Cold Rock [3] 3.00 of 5 1 Vote.

A Cold Rock, cittadina mineraria nello stato di Washington, avvengono da tempo fatti inquietanti: sono infatti decine i bambini che negli anni sono spariti nel nulla, le indagini non hanno mai portato a niente, mentre una leggenda parla di un “uomo nero” chiamato The Tallman, che rapisce i bambini e li porta con sé.

Una sera anche Julia, l’infermiera del paese, vede un individuo nero e incappucciato rapirle il figlio dentro casa e scappare via con un furgone, ma Julia non resterà a guardare e si metterà alla sua caccia.

Torna Pascal Laugier, autore dello shockante Martyrs, con un film che all’apparenza (andate a leggere le nostre news di gennaio) sembra il solito film basato sul cliché dell’uomo nero ma che riserva invece diverse sorprese. E’ impossibile recensire la pellicola senza correre il rischio di svelare i punti più importanti della trama, per cui mi limiterò ad un giudizio generale.

Innanzitutto gli amanti dei boogeymen rimarranno delusi perché The Tallman non è quello che potrebbero aspettarsi, e infatti immagino che Laugier abbia puntato anche su questo. Lo stesso trailer induce lo spettatore a pensare al maniaco della situazione che rapisce i bambini mentre la storia è molto più sottile e ricercata. Non parlerei nemmeno di un vero horror, sebbene momenti di tensione ve ne siano, quello che incide maggiormente sono invece i colpi di scena, due in modo particolare: uno che cambia completamente le carte in tavola e il secondo a fine del film, quando si comprende chi…anzi, cosa, è the Tallman.

Il film però non sembra nemmeno una pellicola fine a sé stessa perché in un certo qual modo dà da pensare: ci vengono mostrate vittime (i genitori dei bambini rapiti in primis) e mostri, ma alla fine del film non si possono provare dubbi sulle etichette di cui sopra che avevamo affibbiato, per la serie: chi sono le vere vittime? Chi i veri mostri? Chi è fondamentalmente il “Male”?

Dubito che tutti risponderanno alla fine del film: The Tallman.

Forse parlare di critica ad una società dove i figli sono sempre più abbandonati a sé stessi è dire troppo, ma di certo è quanto ne esce da questo film. Non a caso ambientato in una cittadina impoverita dopo la chiusura della miniera, abitata da boscaioli e camionisti, con quei cortili pieni di ciarpame, vecchie auto scassate, mobili rotti, sedili di poltrone, che ricordano quelli dei Red Necks degli stati del sud o degli Hillibillies del New Jersey. Gente abbruttita, sporca, rozza, violenta, che lascia vivere i figli in un ambiente decisamente poco adatto che col tempo li trasformerà come loro…ecco quindi che arriva the Tallman.

 

Articoli correlati
Recensioni Film
  • Lunedì, 14 Gennaio 2013
  • Da Alberto Genovese

I Bambini di Cold Rock [4]

Non c’è niente da fare. A Pascal Laugier piace decisamente il Twist, soprattutto quando scrive una sceneggiatura dove, per forza di cose, niente deve sembrare quello che è.  

Altri articoli
  • Sabato, 21 Luglio 2012
  • Da Super User

The Tall Man - Il Trailer Ufficiale dell'horror di Pascal Laugier

  • Venerdì, 29 Giugno 2012
  • Da Super User

Il Trailer francese di The Tall Man di Pascal Laugier

  • Lunedì, 24 Gennaio 2011
  • Da Super User

Inizia la distribuzione internazionale per The Tall Man, il nuovo Horror di Pascal Laugier

  • Giovedì, 28 Giugno 2012
  • Da Super User

Jessica Biel nel nuovo Teaser Poster di Tall Man, l'horror di Pascal Laugier

  • Lunedì, 24 Settembre 2012
  • Da Salvatore Margiotta

I Bambini di Cold Rock [1]

  • Lunedì, 24 Gennaio 2011

I Bambini di Cold Rock

  • Mercoledì, 23 Ottobre 2019
  • Da Joomla\CMS\User\User

I Bambini di Cold Rock

  • Lunedì, 17 Settembre 2012
  • Da Joomla\CMS\User\User

I Bambini di Cold Rock - Trailer Italiano Ufficiale

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort