SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

I Bambini di Cold Rock [1]

Rating: 2.00/5 (1 Vote)
I Bambini di Cold Rock [1] 2.00 of 5 1 Vote.

In una cittadina dello stato di Washington i bambini scompaiono misteriosamente. La polizia brancola nel buio, mentre la cittadinanza è convinta che le numerose sparizioni siano opera del leggendario Tall Man…


Certo, deve essere stata dura tornare in cabina di regia dopo aver firmato un capolavoro come “Martyrs” con il quale son state riscritte – anche se parzialmente – le regole dell’horror contemporaneo e non solo. E allora cosa si fa? Giunta l’ora di tornare in pista – quattro anni dopo l’ultima fatica – Pascal Laugier abbandona – momentaneamente? – l’horror radicale e ritorna a quello di atmosfera, traboccante tristezza e malinconia.
“The Tall Man” – primo film in inglese del regista e prima co-produzione americana – può essere definito come una variazione sul tema dell’uomo nero. Laugier non intende però conferire al suo boogeyman alcuna aura mitica. Non c’è nessuna traccia infatti di quell’idea di incarnazione del male onirica (Freddy Krueger), metafisica (Pinhead) o sovrannaturale (Michael Meyers) che ha segnato buona parte della filmografia di genere durante gli anni ottanta. Le radici del male ricercate da Laugier sono quelle che invece penetrano il terreno etico, sociale e morale dell'esistenza.
Costruito su un plot estremamente articolato e sviante – la sceneggiatura è dello stesso regista – il film è diviso in due parti distinte: la prima è riconducibile al mistery, mentre la seconda strizza l’occhio al conspiracy-thriller; ‘due atti’ conditi da un paio di colpi di scena pretestuosi e a buon mercato che obbligano lo spettatore a rimettere costantemente tutto in discussione e da un bel pistolotto morale conclusivo. Purtroppo o per fortuna, dipende, Laugier è un visionario, non un narratore. Venute meno l’atmosfera (“Saint Ange”) e la poesia del sadismo (“Martyrs”) resta solo l’eleganza della messa in scena cinematografica – che conferma le ambizioni smisurate dell’autore-Laugier che al di là di tutto dimostra ancora una volta un talento visivo indiscutibile e fuori dal comune, qui sprecato – e l’ottimo montaggio del fidato e collaudato Sébastien Prangère.
Nessuna suspense. Nessun brivido lungo la schiena.
Mezzo teschio in più per la stima…

 

Articoli correlati
Recensioni Film
  • Lunedì, 14 Gennaio 2013
  • Da Alberto Genovese

I Bambini di Cold Rock [4]

Non c’è niente da fare. A Pascal Laugier piace decisamente il Twist, soprattutto quando scrive una sceneggiatura dove, per forza di cose, niente deve sembrare quello che è.  

Recensioni Film
  • Venerdì, 19 Ottobre 2012
  • Da Dj Mayhem

I Bambini di Cold Rock [3]

A Cold Rock, cittadina mineraria nello stato di Washington, avvengono da tempo fatti inquietanti: sono infatti decine i bambini che negli anni sono spariti nel nulla, le indagini non hanno mai...

Altri articoli
  • Sabato, 29 Settembre 2012
  • Da Ombra

I Bambini di Cold Rock [2]

  • Lunedì, 24 Gennaio 2011
  • Da Super User

Inizia la distribuzione internazionale per The Tall Man, il nuovo Horror di Pascal Laugier

  • Giovedì, 28 Giugno 2012
  • Da Super User

Jessica Biel nel nuovo Teaser Poster di Tall Man, l'horror di Pascal Laugier

  • Sabato, 21 Luglio 2012
  • Da Super User

The Tall Man - Il Trailer Ufficiale dell'horror di Pascal Laugier

  • Venerdì, 29 Giugno 2012
  • Da Super User

Il Trailer francese di The Tall Man di Pascal Laugier

  • Lunedì, 24 Gennaio 2011

I Bambini di Cold Rock

  • Domenica, 08 Dicembre 2019
  • Da Joomla\CMS\User\User

I Bambini di Cold Rock

  • Lunedì, 17 Settembre 2012
  • Da Joomla\CMS\User\User

I Bambini di Cold Rock - Trailer Italiano Ufficiale

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort