SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Hellraiser: Revelations

Rating: 1.00/5 (1 Vote)
Hellraiser: Revelations 1.00 of 5 1 Vote.
A posteriori mi domando se sia più sadico risolvere il Lament Configuration o l'altrettanto malata curiosità che mi ha spinto a subire lo strazio inflitto da Victor Garcia ai danni di chi è ancora affezionato all'indimenticabile saga iniziata da Clive Barker.Non che questa abbia volato alto dopo i primi due capolavori e il terzo decente capitolo, anzi bisogna proprio ammettere che se i film successivi un minimo del fascino originale l'hanno mantenuto è stato più che altro per meriti acquisiti e per la presenza fissa di Doug Bradley nei panni del temibile Pinhead.Ma qui siamo oltre la mediocrità delle saghe sprofondate nel direct-to-video, piuttosto ci troviamo nell'inferno dell'indie che si prende troppo sul serio senza però poterselo permettere. Le aspettative erano già di per sé basse per la velocità con la quale è nata la pellicola (meri motivi di sfruttamento del marchio) e per la fermezza con la quale i due nomi storici della saga, Doug Bradley appunto e lo stesso Clive Barker, hanno ribadito la loro estraneità al progetto.Il fascino di Hellraiser è però unico, e per molti di noi che ad inizio anni Novanta erano adolescenti questo nome ha rappresentato un punto di non ritorno per la nostra concezione del cinema horror, una visione proibita dalla quale nessuno è uscito indenne. E perciò, incurante degli ammonimenti di chi questo film l'ha già visto e della dichiarazione di Barker secondo il quale, cito testualmente, qualcosa del genere non potrebbe nemmeno uscire dal mio buco del culo, eccomi di fronte allo schermo, con la curiosità di chi ha appena risolto la mitica scatola puzzle e la vede aprirsi.E la tortura che ne è derivata è stata, invero, leggendaria.Fin dalle prime scene si capisce in che mani sia finito un nome tanto prestigioso: la solita storia a base di adolescenti in cerca di emozioni forti si affida sia a riprese a mano che a riprese fisse per differenziare i tempi della narrazione e ricostruire per tasselli il crescendo di trasgressione che ha portato alla scomparsa di Steven e Nico, i due giovani protagonisti. Ben presto però le due tipologie di riprese si mescolano in un insensato montaggio che alterna la scoperta del Lament Configuration da parte dei due giovani all'incontro delle rispettive famiglie ancora scosse dalla loro scomparsa. Apprezzabile il tentativo di non affidarsi ad una struttura lineare, ma purtroppo messo in pratica in maniera totalmente sbagliata, con tempi di narrazione incomprensibili.Un crescendo di violenza a base di omicidi, prostituzione, infanticidi e incesto conduce alla resa dei conti finale culminante ovviamente con l'evocazione dei famigerati cenobiti. E qui si tocca il fondo: con l'apparizione del nuovo chubby-Pinhead, della sua simpatica spalla e del transgender che mescola pezzi dei passati cenobiti diventa impellente il desiderio di cavarsi gli occhi di fronte a questa specie di riduzione televisiva di uno degli horror più malati della storia del cinema. Se si ha la forza di resistete sino in fondo (il film fortunatamente dura poco) il finale geniale ci instillerà il dubbio che forse stiamo guardano uno special di Halloween dei Simpson.Forse l'aspetto più patetico di Hellraiser: Revelations è il suo tentativo disperato di essere malato e senza speranza, cosa che ovviamente non riesce a fare a causa dell'ovvietà dei suoi supposti colpi di scena e di una recitazione che risulta ancora più insopportabile del normale perché la storia spinge attori di quart'ordine a interpretare ruoli che risulterebbero impegnativi anche per un attore vero.Quando arrivò a questo livello, e dopo appena quattro film, la saga di Non aprite quella porta si prese una pausa di nove anni per ripresentarsi in forma di remake. Il remake di Hellraiser è stato annunciato per il 2012.Un'agonia troppo crudele anche per i cenobiti.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Mercoledì, 16 Maggio 2012
  • Da Super User

Il Trailer pazzesco di Nightbreed: The Cabal Cut, la versione Uncut del Film di Clive Barker

  • Mercoledì, 20 Giugno 2012
  • Da Fabio Zanchetta

Book of Blood

  • Domenica, 30 Novembre 2008
  • Da Lercio

Prossima Fermata: L'Inferno

  • Martedì, 17 Novembre 2009
  • Da Super User

Dread - Fino a che punto può arrivare la tua Paura?

  • Lunedì, 01 Marzo 2010
  • Da Super User

Candyman 4 - In lavorazione? No è giì morto!!!

  • Venerdì, 15 Novembre 2013
  • Da Super User

Il TOHorror chiude il Festival con CABAL (Nightbreed - The Cabal Cut) di Clive Barker

  • Venerdì, 18 Marzo 2011
  • Da Super User

Hellraiser: Revelations è giì finito? Ed è giì uscito al cinema???

  • Mercoledì, 23 Novembre 2011
  • Da Super User

The Reverend - Rutger Hauer, Doug Bradley e Giovanni Lombardo Radice nello stesso Film

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort