SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Heavy Metal 2000

Rating: 1.00/5 (1 Vote)
Heavy Metal 2000 1.00 of 5 1 Vote.
Heavy Metal 2000 è lo pseudo sequel di quel Heavy Metal licenziato nel 1981 che, senza particolari meriti, è diventato col passare degli anni un film d'animazione di culto. Negli USA questi film vengono definiti midnight favourite ed HM è ancora oggi uno di questi. Il trait d'union tra i due film non poteva che essere il malefico meteorite verdognolo chiamato Loc-Nar. Questa volta la sua nefasta luce verde fa capolino su un povero minatore di nome Tyler che lo riporta alla luce durante gli scavi che stava eseguendo. Come nel capostipite della serie l'influenza che questa strana pietra ha sugli umani è assolutamente negativa. In questo caso si manifesta come desiderio di immortalità e di aspirazione al potere assoluto. Ma come accadde nel plot di Heavy Metal neppure nel 2000 ci viene spiegata l'origine di questo Loc-Nar. Un po' ci speravo. Ma torniamo alla trama.

Durante il viaggio verso il pianeta Urobonis alla ricerca della fonte dell'immortalità Tyler, insieme ai suoi perfidi aiutanti, stermina i pacifici coloni del pianeta Eden. In seguito rapisce la sexy Kerrie, senza sapere che anche la sorella Julie è rimasta in vita e proverà a vendicarsi, salvare la sorella ed impedire al cattivone di turno di diventare immortale. Il richiamo a Larna, all'ultimo ed osannato episodio del primo film è palese. Imbottito di immagini luminose e levigate grazie alla computer grafica, questo lungometraggio si perde tra una citazione di Guerre Stellari ed una di Balde Runner. L'unica scelta sensata è stata quella di non spezzettare l'insieme dividendo il film in brevi ed incompiuti episodi come fu per H.M., ma questo non basta.

La storia è assai misera e latita qualsiasi motivo d'interesse, tranne se non trovate eccitante vedere delle muscolose donne fumetto nude mentre si fanno la doccia. Anche la vena ironica del primo film viene quasi del tutto a mancare. Invariato è invece il tasso di violenza mostrato, ma già dopo la prima mezz'ora s'inizia a capire che sarà dura proseguire per quasi novanta minuti. D'accordo, è pur sempre un cartone animato, ma considerato che alla sceneggiatura ci hanno lavorato almeno sei persone diverse qualche dialogo più sensato lo potevano inserire. Sembra quasi che il film sia stato prodotto unicamente per lanciare la colonna sonora composta principalmente dalle band di post-metal più in voga nel 2000. C'è anche il platinato Billy Idol nella doppia veste di doppiatore e cantante (la sua Buried alive è inclusa nella O.S.T. del film).

Dopo quasi diciannove anni di tira e molla per la produzione di questo film mi aspettavo qualcosa di completamente diverso. Davvero un'opera deludente e tremendamente di routine.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Mercoledì, 19 Ottobre 2011
  • Da Super User

Il ritorno di Heavy Bone: La Storia del Metal di Enzo Rizzi al Lucca Comics

  • Mercoledì, 10 Dicembre 2014
  • Da Marco Viola

L'onnipotente Christopher Lee sforna un Brano Heavy Metal per Natale, ascoltatelo!!!

  • Giovedì, 18 Novembre 2010
  • Da Super User

Diabulus in Musica: la Nuova Antologia di Heavy Bone

  • Venerdì, 01 Novembre 2013

Until the Light Takes Us

  • Domenica, 28 Novembre 2010
  • Da Dj Mayhem

Holocaust 2000

  • Martedì, 03 Luglio 2012
  • Da Super User

Story of Jade - L'Horror Metal Made in Italy

  • Venerdì, 08 Novembre 2013
  • Da Dj Mayhem

Until the Light Takes Us Documentario

  • Venerdì, 22 Febbraio 2008
  • Da jenkin

Death Race 2000

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • porno - turk porno
  • kacakbahis99 - writing a profile for resume