SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Grindhouse: A Prova di Morte

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Grindhouse: A Prova di Morte 4.00 of 5 1 Vote.

Nonostante alla sua uscita sia stato accolto alquanto freddamente, soprattutto dalla critica nostrana, che non ha lesinato, invece, di elogiare il sopravvalutatissimo Planet Terror, l'ultimo lavoro di Quentin Tarantino rappresenta, nell'ambito del progetto Grindhouse, il migliore dei due.

Ovviamente quando escono due prodotti parte di un unico esperimento cinematografico (in questo caso si può comunque parlare di un tentativo di omaggiare il drive in movie degli anni '60/'70) nascono sempre due fazioni opposte di pensiero. E' inevitabile quindi che chi trovi stupidino e inutile lo zombie movie diretto da Robert Rodriguez, si entusiasmi per questo primo episodio incentrato sulla magistrale figura di Kurt Russell, stuntman psicopatico che trova il suo più totale appagamento sessuale nel provocare incidenti mortali ai danni di un gruppo di discinte starlette, tutte dedite ad alcool e marijuana.

Tarantino continua a spiazzare con il suo stile personalissimo, debitore del B movie ad aeternum e stravolgitore del classic script per antonomasia. La sceneggiatura di Death Proof richiama in un certo senso quella di un cult rape and revenge come Day of the Woman con un'ora abbondante in cui si vede soffrire la vittima e gli ultimi 30 minuti dediti alla rivincita della stessa nei confronti del suo assassino.

Stuntman Mike è a tutti gli effetti uno stupratore, solo che usa la sua Chevrolet con tanto di teschio stampato sul cofano al posto del pene. Il terrificante frontale a cui assisteremo a metà film (una vera e propria sequenza capolavoro!) non è altro che un derivato dell'atto sessuale da parte di un deviato che, con il senno del poi, rappresenterà una delle figure più becere e disgustose (ma altrettanto realistiche) del new villain. Nella seconda parte del film invece comincia la vendetta, ed in questo caso Tarantino torna alla sua immagine tanto cara nei suoi film della donna forte e vendicativa. Un monito agli stupratori e assassini, il sesso debole non è più debole ma - spoiler - ti prende a cazzotti, ti spara addosso, ti sfonda l'auto a colpi di spranga e infine (ma solo dopo la parola "fine") si abbatte sul tuo volto spappolandolo con un calcio volante, un'ultima scena che fa tornare alla mente il terribile flashback di Tenebre in cui Eva Robin's infilava il suo tacco a spillo nella gola del malcapitato Anthony Franciosa da ragazzo - spoiler -.

La colonna sonora, al solito, è una ricca compilation di italo soundtrack con inserti estratti da L'Uccello dalle piume di cristallo e altri crime movie italiani, a riprova del grande amore che il regista americano ha nei confonti della nostra vecchia sottoproduzione.

Death Proof, però è anche un omaggio ai car movie degli anni 70 con un inseguimento mozzafiato, adrenaliniche sequenze e tensione che sprizza da tutti i pori, con rimandi a Alfred Hitchcock e Tobe Hooper.

C'è da chiedersi infine, rispetto a Planet Terror, cosa possa determinare la preferenza per l'uno o l'altro dei due segmenti di questa unica grande opera che è Grindhouse. Probabilmente entrambi divertono, entrambi sono sboccati, cattivi e socialmente "out" eppure, a differenza del film di Rodriguez, Tarantino riesce ancora a dare un senso alle sue cose, un motivo, un'essenza che non è mero riciclaggio ma urgenza creativa di chi, per il cinema vero, ha un'incontenibile passione!

Ecco, io da Tarantino mi aspetto questo, e finora non mi ha mai deluso!

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Martedì, 07 Settembre 2004
  • Da Varg

Cabin Fever

  • Lunedì, 17 Maggio 2004
  • Da Francesco Villani

Ju-On: The Grudge

  • Giovedì, 18 Ottobre 2012
  • Da Super User

Masters of the Universe Il Film...parla il regista Jon M. Chu

  • Venerdì, 07 Marzo 2014
  • Da Mirko Capotosto

Benvenuti a Zombieland [2]

  • Lunedì, 10 Ottobre 2005
  • Da Cosworth

C.H.U.D.

  • Lunedì, 30 Gennaio 2012
  • Da Super User

Il regista di The Grey, Joe Carnahan, scelto dalla MGM per il remake de Il Giustiziere della Notte

  • Venerdì, 25 Novembre 2005
  • Da Maxena

Zombi 4: After Death

  • Sabato, 13 Marzo 2010
  • Da Super User

Nocturno - Third Dimension: guida al cinema in 3D

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort