SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Final Destination 3

Rating: 2.00/5 (1 Vote)
Final Destination 3 2.00 of 5 1 Vote.
Nel 2000 fu l'incidente aereo del volo 180 per Parigi a dare inizio alla partita a scacchi tra i sopravvissuti e la Signora di nero vestita. Nel 2003 il campo di gioco si trasferisce su un'autostrada ed il tassello che innescava il sanguinolento domino di vite umane era dato da uno spettacolare incidente automobilistico. Legame tra le due pellicole, l'unica sopravvissuta del primo capitolo.
Ora James Wong, regista del primo capitolo e produttore del secondo, torna dietro la macchina da presa e da scrivere, portandoci in cima ad una infernale montagna russa per farci precipitare nell'ennesimo incubo senza fine.
Il film ripercorre la medesima struttura dei capitoli precedenti, con un incidente spettacolare iniziale, un determinato numero di sopravvissuti legati tra loro da un duplice filo amicale ed emotivo, una lista di esecuzioni che segue l'ordine della morte mancata, in questo caso la seduta sul carrello lasciato vuoto delle montagne russe.
Ma al contrario di Final Destination 2, l'alchimia che aveva sorretto il secondo capitolo e che gli permise di sopravvivere all'azzeramento del fattore sorpresa del capostipite, non si ripete in nessuna forma. Al contrario tutto appare noiosamente sbiadito e frettoloso. I personaggi sono disegnati con superficialità, la trama è fortemente prevedibile con gli sceneggiatori più interessati ad arrivare ai momenti più gore per risvegliare lo spettatore dalla noia e trasmettere un minimo di shock emotivo. Shock emotivi che si susseguono tra esplosioni di teste, amputazioni di corpi ed una serie di invenzioni che suscitano l'irrefrenabile ilarità dello spettatore - vedi la sequenza della morte in palestra.
Final Destination 3 è legato al primo capitolo della saga sia per la presenza del medesimo regista, sia a livello narrativo, con una serie di riferimenti che istruiscono i giovani protagonisti di questo capitolo su come affrontare la Morte. Come i cani di Pavlov, Wendy (Mary Elisabeth Winstead) e Kevin (Ryan Merriman) apprendono i segnali, interpretano gli indizi che la Morte semina come briciole di pane lungo il cammino della sua vendetta, riuscendo a salvarsi ripetutamente la vita, ma non quella dei loro arroganti e miscredenti amici. E le morti che si susseguono in questo capitolo sono più efferate, più violente, più sanguinolente dei precedenti sebbene preceduti da un'eccessiva elaborazione delle scene del crimine da parte della Morte, su tutte quelle del centro di bellezza (la più impressionante dal punto di vista visivo) e quella del magazzino di articoli per il bricolage. Ma le dosi eccessivamente dopanti degli elementi splatter (termine quanto mai appropriato in questa occasione) non salvano nel complesso un film che si segnala per dialoghi inverosimili e dall'esito involontariamente comico e varie amenità distribuite lungo gli 82 minuti di proiezione.
Una saga che non meritava un capitolo finale (ci auguriamo) così sbiadito ed a tratti irritante. Peccato.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Martedì, 21 Giugno 2011
  • Da Super User

Tony Todd e nuove fantasiose morti campeggiano nel Trailer Italiano di Final Destination 5

  • Martedì, 01 Giugno 2010
  • Da Marco Viola

The Final Destination 3D

  • Martedì, 24 Maggio 2011
  • Da Super User

Fauci spalancate con donnina urlante inclusa nel nuovo Poster di Shark Night 3D

  • Lunedì, 25 Giugno 2012
  • Da Alberto Genovese

Piranha 3DD

  • Venerdì, 06 Maggio 2011
  • Da Super User

The Human Centipede 2: Full Sequence è pronto e Tom Six si prepara giì a The Human Centipede 3: Final Sequence

  • Giovedì, 02 Ottobre 2008

Final Destination 2

  • Venerdì, 19 Marzo 2010

The Final Destination 3D

  • Sabato, 03 Aprile 2010
  • Da Super User

Humpty Dumpty - Gli Storyboard, nuove info e i due Teaser Poster Online

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort