SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Die Farbe

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Die Farbe 3.00 of 5 1 Vote.
Die Farbe [Il Colore] è un lungometraggio indipendente tratto dal racconto di Howard Phillips Lovecraft Il Colore venuto dallo Spazio.A mio parere, la difficoltà di adattare per il cinema le storie del Solitario di Providence si potrebbe definire ontologica.
In un'arte eminentemente visiva come quella cinematografica, se una cosa non appare sullo schermo per lo spettatore non esiste; d'altronde per Lovecraft il vero Orrore non è percepibile dall'occhio umano perchè di origine aliena, estraneo al nostro mondo (oltre al già citato The Colour Out of Space, vedi la short story L'orrore di Dunwich, veri e propri manifesti del cosmic horror). In che modo, dunque, si può costruire un racconto per immagini attorno a una presenza invisibile?Come il Carpenter del lovecraftiano In the mouth of Madness (1994), il tedesco Huan Vu decide di mostrare poco o nulla di abnorme, preferendo invece puntare su quelle suggestioni minimali che sulla carta fanno lavorare di fantasia il lettore: vedere un mostro può spaventarci, ma nessun genio degli effetti speciali potrà mai eguagliare gli incubi fabbricati dalla nostra immaginazione stimolata ad hoc. Per contenuto e poetica Die Farbe è quindi un adattamento estremamente fedele al materiale originale, una scelta registica coraggiosa che soddisferà sia gli esigentissimi fans dello scrittore americano che, più in generale, gli amanti delle atmosfere rarefatte, sottilmente inquietanti.L'unico appunto riguarda quell'ape gigante in computer grafica: non si può proprio guardare.ENGLISH VERSIONDie Farbe [The Colour] is an independent feature-film based on Howard Phillips Lovecraft's The Colour Out of Space.In my opinion, adapting Lovecraft's tales into movies is one of the most difficult tasks for a screenwriter/director, mainly because of what I call the ontological problem.
On the one hand, cinema is a visual art and what lies off-screen doesn't exist for the audience; on the other hand, according to the American writer's credo, Horror is something human eyes can't perceive because it comes from another world/dimension (that's the so-called cosmic horror).
So how can a filmmaker tell through images the story of an invisible monster?As Carpenter did with his lovecraftian masterpiece In the mouth of Madness (1994), German director Huan Vu decides not to show anything graphically explicit and abnormal. He rather focuses on those little details that the Man from Providence exploited to inflame the readers' fantasy: seeing a monster sure is scary, but no SFX wonder could ever match the nightmares our imagination creates if properly excited.For its content and mise en scène, Die Farbe is therefore an extremely faithful adaptation of Lovecraft's original work and it will satisfy both Lovecraft's hardcore fans and those who simply like creepy movies with a dark, unsettling atmosphere.The only thing I didn't like - but it's a minor thing after all - it's the giant CGI bee: way too fake.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Mercoledì, 02 Marzo 2011
  • Da Dj Mayhem

Colour from the Dark

  • Mercoledì, 14 Novembre 2012
  • Da Alberto Genovese

Bad Brains [2]

  • Mercoledì, 03 Febbraio 2010
  • Da Super User

The Dead: Intervista Esclusiva a Howard J Ford

  • Mercoledì, 07 Marzo 2012
  • Da Super User

Colour from the Dark di Ivan Zuccon - Dal 9 Marzo al Cinema e in VOD su Own Air

  • Lunedì, 17 Marzo 2008
  • Da Marco Viola

The Rage

  • Mercoledì, 07 Marzo 2012
  • Da Super User

Uwe Boll entra a far parte dell'antologia horror The Profane Exhibit

  • Mercoledì, 23 Marzo 2011

Die Farbe

  • Mercoledì, 16 Febbraio 2011
  • Da Marco Viola

I Spit on Your Grave

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort