SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Day of the Dead 2: Contagium

Rating: 1.00/5 (1 Vote)
Day of the Dead 2: Contagium 1.00 of 5 1 Vote.
Ormai lo sappiamo. Ormai li conosciamo. Ormai li accettiamo.Parlo dei sequel non autorizzati, quei film che pur proponendosi nei loro titoli come nuovi capitoli di nomi più interessanti, non hanno con quest'ultimi il benchè minino rapporto di continuità.Tutti li abbiamo visti o almeno sentito parlarne.C'è stato, tanto per citarne uno, quel Zombi 2 di Lucio Fulci che uscì appena un anno dopo Zombi di George Romero, in un periodo d'oro quale è stata la seconda metà degli anni settanta, dove ci ha ingannato tutti e ci ha fatto credere che fosse la continuazione della stessa idea (almeno finché non li vedevi entrambi e ne scoprivi la beffa, ma allora era già troppo tardi).Ma chi osa vince e Lucio Fulci nel 1988, alla faccia di tutti i più attenti appassionati del genere, bissa l'ardire e ci propina Zombi 3.C'è stato poi, per citarne un altro, quel Alien 2 sulla Terra, pellicola del 1980 firmata da Ciro Ippolito, talmente 'maccheronico' da sostituire le profondità dello spazio siderale con quelle di una grotta sconosciuta. La distanza che separa questo film da Alien di Ridley Scott, beh, lascio a voi misurarla. E ancora L'Ultimo Squalo (1980) di Enzo Girolami Castellari, del quale se non altro apprezziamo il buon gusto di non interrompere nel titolo la numerazione della serie. Tanto per non confondersi il produttore piazza un perentorio ultimo e non ci pensa più. Insomma una tendenza di molti paesi e che in Italia diventa una vera industria. Queste produzioni ancora oggi ci raggirano, ci deludono, ci fanno indignare e arricciare il naso.Eppure qualcosa di buono in fondo in fondo riusciamo a trovarci.Ne arriviamo ad apprezzare lo spirito pioneristico, l'ingenuità e spesso la cialtroneria. Ridiamo e scuotiamo la testa davanti alle macchinose gaffe che riescono a fare i distributori in fase di assegnazione dei titoli (e di questo bisognerebbe scriverne parecchio, ma questa è un'altra storia). In qualche modo e in qualche caso un perdono dopotutto riusciamo ad elargirlo.Ma altre volte invece non c'è proprio niente da fare.E Day of the Dead 2: Contagium rientra in questo secondo caso. Questo film firmato da Ana Clavell e James Glenn Dudelson ci lascia talmente sgomenti da crearci imbarazzo nel parlarne. La storia ci conduce all'interno di un ospedale psichiatrico sorto sulle rovine di un vecchio manicomio dove un gruppo di pazienti riporta alla luce un contenitore sepolto in giardino che custodisce al suo interno un virus creato dal genio militare capace di riportare i morti in vita. Nelle mani dei malati di mente il virus viene liberato e si diffonde nella struttura contagiando i suoi occupanti e creando uno scenario da incubo.Il film si propone come prequel (non autorizzato, ovviamente) di Day of the Dead di George Romero del 1985 senza avere con quest'ultimo nessun legame. La regia è al limite dell'essenziale, quasi infantile, talmente piatta da aspettarsi che da un momento all'altro tutto si riveli un porno da cinema di periferia. La vicenda si impantana continuamente e le trovate che i due registi provano ad inserire nel contesto non convincono. Il lavoro nel suo insieme è talmente malfatto che per qualche momento si ha la sensazione di ritrovarsi davanti ad un film talmente trash da riscattarlo ad opera geniale; fenomeno non tanto raro che abbiamo visto accadere con titoli come Horror in Bowery Street o The Toxic Avenger, buona parte della produzione della Troma Entertainment e alcune pellicole dei cosiddetti 'Z' movie.
Day of the Dead 2: Contagium non riesce a stare a galla e, purtroppo per lui, neanche a sprofondare negli abissi. Rimane sospeso a metà, in una zona povera e poco interessante. Clavell e Dudelson però non sembrano pentirsi e nel 2006 ci elargiscono un pessimo Creepshow 3 (ma che gli avrà mai fatto Romero). Se non avete visto quest'ultimo, cosa che auspico per il buonsenso di noi sinceri appassionati del sano horror, potete pure indignarvi sulla fiducia.Un'ultima cosa: Day of the Dead 2: Contagium è stato distribuito in DVD dalla Mediafilm in un'edizione speciale in due DVD. Non so le altre copie, ma nella mia c'era un solo disco.E poi non dite che sono io.

 

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort