SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Camp Hope [1]

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Camp Hope [1] 3.00 of 5 1 Vote.
Tommy appartiene ad una famiglia profondamente credente che fa parte di una comunità cristiana cattolica decisamente conservatrice. Il ragazzo è però turbato, tormentato da strani incubi in cui crede di vedere il demonio, forse l'occasione per fare chiarezza nella propria mente è partecipare al consueto campo di riflessione e formazione organizzato da padre McAlister, al quale partecipano tutti i figli adolescenti della comunità, e che prende il nome di Camp Hope.è chiaro fin da subito che il Campo Speranza diverrà bene presto il Campo Inferno ma non a causa del Jason Voorhees di turno o di qualche entità diabolica evocata da giovani annoiati, bensì dai turbamenti interiori dei ragazzi, alimentati da un rigido indottrinamento fondamentalista cattolico che per proteggere i propri figli limita le loro libertà, terrorizzandoli ed imprigionandoli con regole severe ed antiquate. Impariamo subito le regole del campo quando il responsabile dei ragazzi per prima cosa si occupa di una perquisizione in pieno stile militare, sequestrando caramelle, cd (rock) e fumetti, ma complimentandosi però con Tommy per le sue letture (L'Inferno di Dante che, a parer mio, è decisamente più preoccupante di Spawn). Altre regole riguardano ovviamente il rapporto con il gentil sesso: ci sono le ragazze al campo, con le quali si condivideranno dei momenti di preghiera e di festa, ma è tassativamente vietato che un ragazzo ed una ragazza restino da soli, che parlino senza un adulto presente, o che solo provino a tenersi per mano (il bacio ovviamente è garanzia dell'Inferno).Il clima è questo, non solo. A Padre McAlister sembra che dei dieci comandamenti interessi solamente quello relativo a commettere atti impuri, infatti non fa altro che mettere in guardia i suoi ragazzi dalla masturbazione che preclude l'apertura dell'anima a Satana. E' chiaro che in una situazione simile si è spinti o alla remissione o alla ribellione, e Tommy trova la forza di ribellarsi grazie a Melissa, della quale contraccambia l'amore. I due si trovano di nascosto di notte ma il loro atto sconveniente non fa altro che turbare oltermodo la quiete di Camp Hope. Nella stessa notte avviene un sacrilegio nella chiesa, Tommy dopo aver avuto un orgasmo nei pantaloni viene tormentato dal suo demone personale, e Padre McAlister capisce che è successo qualcosa di grave.Sarebbe facile attribuire a Camp Hell una matrice anticattolica, un gesto di ribellione verso un cattolicesimo rigido che limita le libertà dei ragazzi, tanto puritano da chiamare puttana una ragazza che semplicemente parla con un coetaneo (appellativo dato a Melissa da parte sempre di padre McAlister), invece Camp Hope è molto più profondo e merita una disanima più accurata e non semplice.Chi scrive ha un lungo trascorso in parrocchia, all'oratorio, diverse esperienze in campeggi estivi, weekend di riflessioni, visite a comunità e seminari, insomma ne ho viste parecchie, e per quanto mi riguarda non mi sono certo rivisto in Tommy: nessuno mi ha mai fatto pressioni di alcun tipo, i sacerdoti che ci seguivano proponevano un catechismo ed un insegnamento molto meno rigido e più moderno rispetto a quello di Padre McAlister. Niente ci veniva proibito o precluso, nessuno mi ha mai detto alcunché per la passione per l'Heavy Metal e, ovviamente, il cinema horror, anzi...Però devo ammettere che mi sono scontrato in alcune occasioni con dei movimenti, gruppi ed anche una comunità che, se non proprio integralista come quella proposta nel film, poco ci manca. Ho un ricordo particolare di quando avevo 15 anni e con la parrocchia andammo in visita in questa comunità che vive in un paese interamente gestito da loro, con case famiglia, scuole, campi e tutto il resto (il posto, di cui non faccio il nome, è famoso e la Rai ha pure dedicato una agiografia al suo fondatore). Beh, non si chiama Camp Hope ma le regole sono quelle, inoltre qui ai ragazzi è vietato guardare la tv fino alla maggiore età (!), e fino alla maggiore età (21 per le ragazze) due ragazzi non possono stare assieme senza un adulto, insomma...scappammo di corsa dopo supplica al nostro reverendo.Con questo voglio dire che talvolta ci vengono mostrate delle situazioni a cui difficilmente riusciamo a credere, ma come sempre la realtà è sempre peggio della finzione. Tra l'altro il film parrebbe ispirato ad una storia vera, ma questa frase è ormai utilizzata sempre più senza alcun criterio.Il senso di tutto il film viene trasmesso da Tommy alla madre, e non riguarda altro che la libertà di credere o meno, senza che la fede venga imposta con quella che è praticamente una forma di violenza, sebbene non fisica, come l'indottrinamento radicale e che ognuno di noi dovrebbe essere libero di fare le proprie scelte sulla base di quanto sente dentro di sé e non sulla base di quanto qualcun altro sceglie per lui.Restando in tema di cinema e televisione, questo argomento mi riporta al MOIGE (Movimento Italiano Genitori), che da anni impone la sua autorità sulla programmazione delle reti nazionali, obbligando censure di ogni tipo, dai cartoni animati ai film. Ricorderete forse il clamore mediatico di quando L'Esorcista venne trasmesso censurato in seconda serata dopo una puntata di Lucignolo o la cancellazione di Eyes Wide Shut, e del motivo per il quale in tv i film dell'orrore sono trasmetti con il contagocce e spesso ad orari notturni. Il Moige, in virtù anche di diverse vittorie in cause proprio contro le televisioni, si è eretto a ente censore e moralizzatore, decidendo secondo i propri valori (quelli di Camp Hope, diciamo) cosa devono vedere non solo i propri figli ma anche i figli degli altri, limitando così la libertà di ognuno di noi.Per fortuna ora grazie alle pay tv, internet e i dvd, non è un problema che ci tocca più come prima, ma è comunque presente.E se un giorno qualche ragazzino finisse sul nostro bel sito, la madre se ne accorgesse e chiamasse il MOIGE denunciando lo Zio Actarus e mandandoci tutti in pensione? (Tiè n.d.r.)

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Giovedì, 01 Dicembre 2011
  • Da Super User

Jesse Eisenberg denuncia la Lionsgate e i produttori di Camp Hell, ex Camp Hope

  • Mercoledì, 01 Dicembre 2004
  • Da Salvatore Mennea

Venerdì 13

  • Martedì, 11 Novembre 2008
  • Da chris

Blood Camp Thatcher

  • Mercoledì, 05 Gennaio 2011
  • Da Lady_Gore

Angel Heart: Ascensore per l'Inferno

  • Lunedì, 15 Settembre 2008
  • Da jenkin

Classe 1999

  • Mercoledì, 11 Gennaio 2012
  • Da Super User

Bloody Bloody Bible Camp - Chi ha paura di Suor Maria Mannaia?

  • Lunedì, 16 Marzo 2009
  • Da Alberto Genovese

Eden Lake

  • Mercoledì, 09 Ottobre 2013
  • Da Fabio Zanchetta

The Theatre Bizarre

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort