SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Blindness: Cecità

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Blindness: Cecità 4.00 of 5 1 Vote.
I veri ciechi sono i distributori italiani che hanno ritenuto di non dover distribuire questa splendida trasposizione del bellissimo libro di Josè Saramago Cecità nelle sale. Il film è infatti uscito solo in DVD, inspiegabilmente direi, vista l'altissima qualità dell'opera diretta dal brasiliano Fernando Meirelles, autore dell'ottimo City of god e di The Constant Gardener. La trama segue abbastanza fedelmente il libro partendo da una giornata qualunque di una metropoli senza nome (ma le riprese sono state effettuate a San Paolo in Brasile) immersa nel traffico. Il semaforo scatta ma un'auto non si muove, il guidatore è vittima di un improvviso attacco di cecità e tutti quelli che verranno a contatto con lui saranno, in seguito, colpiti dallo stesso male. Da parte del governo non c'è niente di meglio per arginare il male che ghettizzare in un vecchio ospedale psichiatrico tutti gli appestati i quali, giorno dopo giorno, aumentano sempre più. L'unica che sembra non rimanere infettata da questa strana malattia è la moglie dell'oculista che per primo ha visitato un paziente colpito dal virus. Nonostante questo però, la donna finge anch'essa la cecità per poter stare vicino al consorte all'interno di questo lager improvvisato. Ben presto gli appestati si ritrovano in balia di sè stessi e dei loro escrementi, taglieggiati da un gruppo armato che sequestra tutto il cibo pretendendo in cambio gioielli e beni personali, fino a richiedere prestazioni sessuali da parte di tutte le donne in quarantena.Splendidamente fotografato con tonalità accese e saturazione dei bianchi volte a riprodurre il punto di vista dei ciechi, Blindness risulta un efficace esempio di cinema apocalittico dove l'evoluzione catastrofica è vissuta attraverso la sofferenza dei protagonisti, privati del loro nome e della loro identità, ridotti ad essere burattini goffi che inciampano in continuazione, dominati da uno smarrimento perpetuo in cui non esistono eroi ma solo larve umane abbandonate a sè stesse, private del loro senso più prezioso e incapaci di sopravvivere in una società dominata dallìimmagine. La protagonista, un'intensa Julianne Moore, funge da collante per un'opera quasi corale in cui Meirelles fotografa immagini crude e realistiche che sembrano uscire dall'album di un manicomio criminale. Impressionante per impianto scenografico poi l'ultima mezz'ora dove gli appestati riescono finalmente a fuggire dal luogo di quarantena e vagano per una città nel delirio, priva ormai di mezzi circolanti, sommersa da rifiuti e da ciechi trasformati in zombi claudicanti. Una civiltà dell'immagine distrutta ma che a poco a poco ritrova il senso delle cose e scopre che si può vedere meglio senz'occhi, sopratutto all'interno delle persone, come dimostra lo splendido dialogo finale tra la prostituta Alice Braga (nipote della celebre Sonia) e un vecchio Danny Glover con la benda da pirata sull'occhio. Esteticamente perfetto, girato con tempi giusti e intenso nella sua rappresentazione del crollo sociale, Blindness è un film che colpisce allo stomaco e lascia una sensazione amara, forte e allo stesso tempo consolatoria, riesce a rendere inquietante il nostro futuro senza mostrare palazzi che crollano o esplosioni nucleari nella convinzione che basta un velo bianco a stravolgere la nostra esistenza.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Domenica, 20 Novembre 2005
  • Da Maxena

Alien degli Abissi

  • Martedì, 21 Febbraio 2012

Brake

  • Lunedì, 04 Ottobre 2010
  • Da Francesco Scardone

Audition

  • Giovedì, 01 Marzo 2007
  • Da Alberto Genovese

Freeze Frame

  • Martedì, 21 Febbraio 2012
  • Da Super User

Cosa otteniamo shakerando una porzione di Buried con una di Saw? Un Brake Cocktail con Stephen Dorff

  • Lunedì, 03 Febbraio 2014
  • Da Super User

Zombeer - Tra citazioni di film, Birra e Zombie il folle FPS della Moonbite

  • Mercoledì, 08 Giugno 2011
  • Da Francesco Scardone

Con gli Occhi dell'Assassino [2]

  • Sabato, 25 Febbraio 2012
  • Da Marco Viola

ATM - Trappola Mortale

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort