SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Beyond the Black Rainbow

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Beyond the Black Rainbow 4.00 of 5 1 Vote.

Beyond the Black Rainbow è un film talmente al di fuori dai canoni attuali della fantascienza che, a prescindere dal risultato finale, da una buona idea di quanto fertile possa talvolta essere il terreno delle produzioni indipendenti odierne.

Pur nella sua unicità, il film del regista canadese Panos Cosmatos è anche il tipico esordio concepito come atto d'amore nei confronti di una precisa stagione cinematografica, nello specifico quello della fantascienza distopica che ha avuto il suo periodo di massimo splendore tra la fine degli anni sessanta e il decennio successivo.

Sintetizzandone e in un certo modo aggiornandone le intuizioni estetiche, il lavoro di Cosmatos si pone quindi come ultimo arrivato di una famiglia che può contare su illustri esemplari come 2001: Odissea nello Spazio di Kubrick, THX 1138 di Lucas e Solaris di Tarkovsky, tanto per fare i nomi più altisonanti. Un cinema che si esprime attraverso uno stile visivo curatissimo, fatto di suggestioni estetiche tra lo psichedelico e il metafisico sorrette da trame spesso ermetiche e tendenti al filosofico. Se recentemente lo splendido Eden Log di Franck Vestiel ha dato un profilo moderno a questo genere, l'approccio di Cosmatos è al contrario chiaramente revivalistico, pur non limitandosi ad un recupero pedissequo dello stile della fantascienza dell'epoca ma anzi aperto anche a suggestioni dei decenni successivi, evidenti ad esempio nelle sonorità synth che accompagnano le immagini.

Trip ipnotico pregno di immagini simboliche e surreali, Beyond the Black Rainbow è, prima di tutto, una ricerca estetica d'avanguardia che si pone a metà strada tra il concetto tradizionale di “cinema” e la videoarte. Riflesso della medaglia è che tali ambizioni estetiche non trovano un degno supporto nell'impianto narrativo, veramente povero ed inconcludente, aspetto che risulta essere il grosso limite del film ed inevitabile spartiacque per il pubblico.
Immergersi nel magma sintetico di Cosmatos può risultare tanto tediante quanto un'esperienza unica, in ogni caso è un tentativo vivamente consigliato. Nel peggiore dei casi vi farete una gran dormita, nel migliore vedrete cose che gli altri esseri umani possono solo immaginare.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Giovedì, 20 Giugno 2013
  • Da Luca Villa

La Casa (Remake) [4]

  • Lunedì, 20 Maggio 2013
  • Da Cristina Spin

Black Dynamite

  • Martedì, 17 Gennaio 2012
  • Da Super User

Bellissima Locandina nel Classico Stile Hammer per The Woman in Black

  • Mercoledì, 23 Dicembre 2009
  • Da Marco Viola

Black Christmas: Un Natale Rosso Sangue

  • Lunedì, 17 Giugno 2002
  • Da Marco Viola

Pitch Black

  • Lunedì, 07 Maggio 2012
  • Da Alberto Genovese

Black Christmas [2]

  • Mercoledì, 24 Novembre 2010
  • Da Super User

Natalie Portman - Ho perso 10 chili e mi sono incrinata una costola per Black Swan -

  • Venerdì, 08 Novembre 2013
  • Da Super User

The Woman in Black: Angel of Death - Le Prime Immagini

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort