SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Are You Scared?

Rating: 1.00/5 (1 Vote)
Are You Scared? 1.00 of 5 1 Vote.
Ciocco Barocco, Emporio Armadi, Coco Cannelle, Muschino, La Cote...vi sarà sicuramente capitato di incappare in una bancarella che esponeva orgogliosamente questi geniali falsi d'autore delle più rinomate griffe dell'alta moda. La confezione, la boccetta, i colori e persino i loghi; tutto ad una prima occhiata tende ad ingannare il nostro occhio, ma basta un pò più di attenzione per capire che non si tratta del prodotto originale, bensì della sua semplice versione tarocca. Eliminando dalla statistica i collezionisti di questi veri e propri gioielli di inventiva, solitamente ci si avvicina a manufatti (è proprio il caso di usare questo termine) del genere per semplici ragioni economiche, considerando i prezzi stellari dei loro corrispettivi legalmente sul mercato. E' umanamente comprensibile quindi: non mi posso permettere un determinato bene, perciò ripiego sull'illusione, su un effetto placebo per i miei desideri.

Ma perchè dovrei ragionare allo stesso modo per un film? Perchè vedermi un pessimo surrogato di un ottimo titolo che posso tranquillamente acquistare, noleggiare o vedere al cinema praticamente allo stesso prezzo?

Are you Scared? sta a Saw come Il Ragazzo dal Kimono D'Oro sta a Karate Kid, con la differenza che mentre il film di Larry Ludman (alias Fabrizio De Angelis) inanella involontariamente una serie di perle di inaudita ilarità (ne consiglio caldamente la visione in gruppo), Are you Scared? contribuirà unicamente ad acuire la vostra affezionata emicrania. La variante del finto reality tv, bieco tranello per radunare in realtà un bel gruppetto di ignare cavie, è una delle poche vampate di creatività di Andy Hurst, regista e sceneggiatore di questa amenità su pellicola. Ciò che rimane è la versione Outlet del thriller horror di James Wan: lugubre fabbrica dismessa come location principale, con relative trappole da risolvere in breve tempo e nelle modalità più macabre. Per non parlare poi del killer, clone rosolato e decisamente fiacco del ben più noto Jigsaw. Quel poco di splatter presente è purtroppo rovinato dall'incomprensibile intervento di una pessima computer grafica, che sappiamo bene quanto sia deleteria per il realismo di una scena se realizzata male. Devo invece salvare una gustosissima accettata, davvero ben fatta...purtroppo l'esaltazione durerà pochi secondi...

Are you scared? Manco per niente...

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Lunedì, 04 Ottobre 2010
  • Da Francesco Scardone

Audition

  • Giovedì, 17 Novembre 2005
  • Da Marco Viola

White Noise: Non Ascoltate

  • Mercoledì, 23 Maggio 2012
  • Da Super User

Cannes 2012 - Ai to Makoto di Takashi Miike, Jagten di Vinterberg e Amour di Haneke

  • Venerdì, 13 Maggio 2011
  • Da Super User

Festival di Cannes 2011: Giorno Due - Sleeping Beauty, Restless di Gus Van Sant, Labrador, Polisse

  • Venerdì, 27 Maggio 2011
  • Da Alberto Genovese

The Housemaid [1]

  • Martedì, 04 Dicembre 2012
  • Da Super User

Crimson Peak - Guillermo del Toro dirigerì un ghost movie. C'è ancora speranza per Le Montagne della Follia

  • Giovedì, 03 Novembre 2011
  • Da Fabio Zanchetta

The Tunnel [3]

  • Lunedì, 25 Febbraio 2013
  • Da Roberto D'Onofrio

Non aprite quella Porta 3D

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort