SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Apocalypse Domani

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Apocalypse Domani 3.00 of 5 1 Vote.
Apocalypse Domani inizia in pieno conflitto del Vietnam; un plotone di marines americani libera dalla prigionia due commilitoni, i soldati Thompson (King) e Bukowski (Morghen), ridotti alla fame e resi folli dai supplizi perpetrati dai vietcong. Mentre cerca di tirarli fuori dalla fossa, il capitano Norman Hopper (Saxon) viene morso da uno di loro; un episodio in apparenza insignificante, ma che sarà destinato nel proseguimento della vicenda a scatenare drammatiche conseguenze.
La storia si sposta qualche anno avanti in territorio americano, quando il soldato Bukowski viene dimesso dall'ospedale psichiatrico in cui è stato internato dopo il congedo. Sembra tornare ad un ritmo di vita normale, ma un episodio scatenerà in lui un impeto di follia: mentre si trova in un cinema, osserva una coppia davanti a lui che amoreggia; preso da un irresistibile impulso, morde la donna al collo. Scappa inseguito da alcuni passanti che riesce a seminare rifugiandosi in un supemarket: qui ha modo di rimediare armi e munizioni con le quali eliminerà chiunque tenti di fermarlo. Le forze dell'ordine giungono in massa, ma non riescono a stanare la preda dal suo nascondiglio. Decidono allora di rivolgersi all'ex-superiore di Bukowski, Hopper, che riesce a convincere quest'ultimo ad arrendersi e a tornare nuovamente in ospedale.

Ma la follia sembra aver messo radici e dilagherà in breve tempo: insieme all'ex compagno d'armi Thompson (ricoverato anch'egli in psichiatria), provocheranno disordini che coinvolgeranno pazienti e inservienti. Il problema sembra essere un virus altamente contagioso contenuto nella saliva dei due soldati, che si propaga attraverso il contatto con il sangue. Anche Hopper (dopo l'episodio del Vietnam) non è immune al contagio e provocherà danni irreparabili, tanto da ergersi a paladino in difesa di Bukowski e Thompson. L'epidemia è ormai iniziata ed ignari cittadini stanno per diventare vittime di questa spaventosa piaga.Il titolo del film scelto dalla produzione trae in inganno lo spettatore: esso non ha nulla a che spartire con un ipotetico sequel del più famoso Apocalypse Now di Francis Ford Coppola, a cui fa riferimento solo nominalmente. Dawson (pseudonimo dietro il quale si cela Antonio Margheriti), Dardano Sacchetti e Josè Luis Martinez realizzano una sceneggiatura coerente col soggetto, una storia che tutto sommato non annoia e che tenta di dare una spiegazione scientifica all'atto cannibalico: non rituale o antropologico come in quasi tutti i film sul genere, ma sotto forma di un virus estremamente pericoloso.

Un percorso già tracciato, seppur con le dovute differenze ambientali e tematiche, da registi come Romero (La Città Verrà Distrutta All'Alba) e Cronenberg (Rabid, Sete di Sangue). La scenografia americana fa da corollario alla follia di uomini che hanno subìto le torture psico-fisiche della guerra del Vietnam, tornando in patria con l'eredità di una malattia senza cura. Da claustrofobia la fuga degli ex-soldati nelle condutture fognarie nella parte finale del film, scandita magistralmente dalle musiche di Alexander Blonksteiner.Bravi gli attori principali, due esperti del cinema di genere italiano come John Saxon e Giovanni Lombardo Radice, presente sotto lo pseudonimo di John Morghen. In un ruolo minore troviamo anche il figlio del regista, Edoardo Margheriti, mentre dietro il nome di Cindy Hamilton si cela l'italianissima Cinzia De Carolis. Gli effetti speciali non sono esagerati, ma vengono realizzati col solito mestiere da Giannetto De Rossi, in quel periodo l'alternativa italiana a Tom Savini.

Da segnalare un paio di dettagli curiosi ed importanti, a sottolineare il valore dell'idea di Margheriti. Lombardo Radice interpreta il ruolo di Charles Bukowski: nella realtà si tratta di un famoso scrittore che racconta dell'emarginazione e della vita allo sbando (libri come Musica per Organi Caldi e Storie di Ordinaria Follia ne sono un esempio), esattamente come il ruolo interpretato da Radice!

Il tema dell'assedio del disadattato Bukowski al supermarket, il tentativo dell'ufficiale di convincere il suo soldato ad abbandonare la sua personale crociata, ritornerà prepotentemente un paio di anni dopo nel film Rambo con Richard Crenna al posto di John Saxon e Sylvester Stallone in quello di Giovanni Lombardo Radice. Coincidenze?
Un titolo che meriterebbe di essere rivalutato.

 

Articoli correlati
Film
  • Mercoledì, 03 Settembre 2008

Apocalypse Domani

- Capitano! Lo sa che cos'è lei?rn- Non me lo dica, dottore. Le consiglio di non dirlo, perché ne ho piene le palle di questa storia e potrei non rispondere delle mie azioni!

Altri articoli
  • Giovedì, 04 Ottobre 2012
  • Da Super User

Il Teaser Trailer di Rec 4 Apocalypse domani in anteprima a Sitges

  • Mercoledì, 23 Novembre 2011
  • Da Super User

The Reverend - Rutger Hauer, Doug Bradley e Giovanni Lombardo Radice nello stesso Film

  • Giovedì, 30 Gennaio 2014
  • Da Super User

Michael Berryman, Bobby Rhodes e Giovanni Lombardo Radice nel cast del thriller Beyond Fury

  • Sabato, 20 Dicembre 2014
  • Da Dj Mayhem

REC 4: Apocalypse - Recensione Film

  • Martedì, 20 Aprile 2010
  • Da Alberto Genovese

Bumba Atomika

  • Martedì, 27 Settembre 2011
  • Da Mattia Stefani

Licantropia Apocalypse

  • Lunedì, 29 Luglio 2013
  • Da angelo armentano

Zombie Apocalypse

  • Martedì, 14 Maggio 2013
  • Da Super User

REC 4 - Apocalypse - Ecco i due Primi Teaser Poster del Film di Jaume Balaguerò

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort