SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Bad Milo! - Recensione Film

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Bad Milo! - Recensione Film 3.00 of 5 1 Vote.

"Un condensato di tutto l'horror anni ottanta" - si potrebbe riassumere così questa pellicola dell'esordiente Jacob Vaughan se non fosse che, dietro l'operazione nostalgia e l'apparente ironia che ne permea le atmosfere trash, si cela una profonda riflessione sulla condizione umana del nuovo millennio.

Bad Milo Recensione Film

Condizione dominata totalmente dallo stress psicofisico che, al pari del sonno della ragione, genera mostri. E nel caso del protagonista, il broker finanziario Duncan, divorato da un lavoro snervante, ossessionato dalla paura di assumersi responsabilità familiari, castrato psicologicamente da una madre troppo intraprendente, lo stress genera una creatura mostruosa, sorta di feto mutante dalle suggestioni "henenlotteriane", che fuoriesce dall'ano e divora la causa umana del problema. Il povero Duncan non esita a rivolgersi allo psichiatra new age Peter Stormare per scoprire che, nel fondo delle sue ansie, si rivela una forte carenza paterna. Ma non tutto si rivelerà essere generato dalla mancanza del padre, strafottente e iperdrogato hippie di mezza età. Esiste una causa genetica ben precisa che Duncan non tarderà a scoprire con sommo terrore.

Bad Milo Recensione Film

 

Permeato da una comicità sottile che rifugge da facili battute ma si mantiene sulla strada che il buon vecchio John Waters ha tracciato in passato, Bad Milo ricorda molto da vicino le produzioni di Charles Band e della Full Moon, tuttavia la scelta retrò di Vaughan risulta invece solo estetica dal momento che le tematiche, come detto sopra, sono attualissime.

Impossibile non pensare anche a Larry Cohen e al suo It's Alive (Baby Killer) nella sequenza che illustra in soggettiva la colonscopia (e chi l'ha provata sentirà un fremito di terrore!) ma anche al trash caciarone ed eccentrico della Troma, fatto di spruzzate di merda, evirazioni a morsi, stanze di tortura nascoste (forse riferimento ironico alla triste saga letteraria di 50 sfumature di grigio?) e parti fecali estremamente dolorosi. Il povero Milo poi passa da atteggiamenti di tenerezza ad alterna ferocia zannuta e diventa una specie di E.T. horror (pure somigliante alla creatura di Carlo Rambaldi) che smuove stomaco, intestino e risate grossolane senza mai perdere di vista l'insieme narrativo, che nei suoi ottanta minuti, riesce a farci sorridere e ad intrattenerci con trovate simpatiche.

Magari non si griderà al capolavoro ma chi soffre di intestino irritabile troverà uno o più punti di empatia con il povero protagonista.

 

Tags: Peter Stormare

Articoli correlati
Altri articoli
  • Sabato, 23 Gennaio 2010
  • Da AlbaM@ter

Moon

  • Giovedì, 16 Dicembre 2010
  • Da Super User

Mirrors 2: La Recensione di Actarus

  • Sabato, 19 Maggio 2012
  • Da Super User

L'alba di Talulla il nuovo libro di Glen Duncan

  • Lunedì, 12 Gennaio 2015
  • Da Alberto Genovese

Incubus: Il Potere del Male - Recensione Film

  • Mercoledì, 05 Novembre 2014
  • Da Laura Da Prato

Nuit Americhèn - Recensione Cortometraggio

  • Venerdì, 28 Novembre 2014
  • Da Paolo Spagnuolo

Autumn Harvest - Recensione Cortometraggio

  • Venerdì, 04 Luglio 2014
  • Da Alberto Genovese

Oculus Il Riflesso del Male - Recensione Film

  • Giovedì, 20 Luglio 2006
  • Da Fede

Il Collezionista di Occhi

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort