SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Baxter

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Baxter 3.00 of 5 1 Vote.

Se ora mi trovo qui a parlarvi di questo film, non è tanto per esprimere giusto il mio parere verso una pellicola che ho visionato, quanto per farvi conoscere un prodotto che dire che sembra caduto nel dimenticatoio sembra quasi un eufemismo, se messo a confronto con la difficoltà richiesta per trovarvi delle informazioni a riguardo.

A chiunque di voi sarà capitato, prima o poi, di fare qualche ricerca tramite Google Immagini. Capita spesso che nella pagina dei risultati vengano mostrati degli elementi che, pensandoci bene, non hanno nulla a che vedere con ciò che avete digitato nella barra di testo. Questi risultati finiscono sempre per catturare la vostra attenzione, proprio perché così alieni" al contesto in cui li avete scovati, anche se magari poi decidete di andare oltre e tornare a dedicarvi alla vostra ricerca di partenza.Beh, è proprio così che sono venuto a conoscenza di questa pellicola. Il frutto di una casualità che però mi ha portato a conoscere un film a suo modo incredibile. Un prodotto davvero "diverso", come diverso lo era nella mia pagina di ricerca, quando io vi ero entrato per cercare tutt'altro.

Hell Hound di Ken Greenhall

Tratto da un romanzo di Ken Greenhall, Hell Hound, che non ho avuto la possibilità di leggere, e adattato per il grande schermo dal francese Jérôme Boivin, il film ci racconta la storia di Baxter, un bull terrier desideroso di vivere tra gli umani per imparare a conoscerle le abitudini e i loro "odori", spinto da una curiosità maturata nel corso di anni di vita chiuso nella gabbia di un canile, nella convinzione che una volta fuori da lì potrà finalmente assaporare la libertà e l'amore che gli era sempre stato negato.

Tutto ciò noi lo veniamo a scoprire attraverso i pensieri dell'animale (doppiato in originale dallo scomparso Maxime Leroux), molto profondi e carichi di malinconia introspettiva.

Quando finalmente gli si presenta l'occasione di vivere la sua prima convivenza insieme a un anziana donna che prima lo temeva, per finire poi per diventarne ossessionata, il docile bull terrier capisce che quel mondo che ha tanto desiderato è in realtà popolato da orrori umani ancora più bestiali degli animali stessi.

In una spirale discendente di degrado e autodistruzione, la psiche del cane verrà contaminata dalla natura umana che lo circonda, trasformandolo in una macchina d'odio priva di emozioni e paura, nella costante ricerca di quel qualcosa che crederà sempre di aver trovato, ma che si rivelerà poi un inferno peggiore di quello vissuto in precedenza. Come una nuova gabbia, diversa negli odori e nelle forme, ma sempre più opprimente e crudele.

Il microecosistema in cui la storia di Baxter si ambienta è popolato da tradimenti e rancori repressi, in una grande manifestazione dei lati deboli della natura umana, che il cane imparerà a conoscere e detestare durante il suo passaggio da un padrone all'altro. Passaggi che vengono scatenati dallo stesso Baxter, che di volta in volta cercherà di "rompere" le sbarre della sua prigionia attentando alla vita degli umani che lo hanno preso in carico, facendo emergere il lato Horror del film.

Baxter Film Horror Jèru00f4me Boivin

Tutto questo fino all'incontro con il suo ultimo proprietario, un ragazzino ossessionato dalla figura di Hitler, che tra tutti si scoprirà il più compatibile alla nuova crudele psiche di Baxter. Ma proprio per questo, il più pericoloso tra gli umani con i quali si andrà a confrontare.E' un film complesso, carico di molteplici livelli di lettura, che sfugge da qualsiasi schema-tipo della cinematografia di "blockbuster" e che forse proprio per questo lo rende una pellicola non alla portata di tutti.

Ma è anche una attenta analisi della debolezza dell'uomo e le sue fragilità, affrontata attraverso gli occhi di un cane, la cui unica colpa era quella di voler far parte di un mondo che alla fine non era assolutamente ciò che lui s'immaginava.Sebbene sia quasi del tutto privo di sequenze splatter in senso stretto, che possano appagare il palato di chi si aspetta un po' di sano gore alla Cujo, la colonna sonora cupa e la regia opprimente conferiscono a Baxter un'atmosfera carica di disagio, dove l'orrore, più che visivo, si percepisce nel profondo della nostra anima, spingendoci a lottare con noi stessi, nell'atto di stabilire se sia più giusto tifare per questo curioso antieroe, od opporci con convinzione al suo modo di affrontare la realtà che lo circonda.

DOVE LO POTETE VEDERE?

Il film, a quanto ne so, sembra sia inedito in Italia (oltre che difficilissimo da reperire in lingua originale), ma per quelli di voi che masticano la lingua quel tanto che basta, è possibile vederlo completo in francese direttamente da Youtube, oppure con i sottotitoli in inglese per i più avvezzi all'idioma anglosassone.

 

Articoli correlati
Film
  • Domenica, 23 Febbraio 2014

Baxter

Il dolore è cessato, il mio corpo non sente più l'aria fredda. Eppure so che il vento è ancora forte perché porta i suoni e gli odori della città. I suoni che mi raggiungono sono sordi. La prima...

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort