SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

VHS 2

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
VHS 2 4.00 of 5 1 Vote.

Forte del successo virale ottenuto in rete e ben lontano dall'aver esaurito il proprio potenziale, torna V/H/S, fulmine a ciel sereno nello stantio panorama found footage che nemmeno un anno fa ha dato dimostrazione di quanto vitale e fertile sia attualmente una certa scena indie.

Alla regia dei temibili videotapes troviamo un rinnovato gruppo di giovani talenti (ad eccezione di Adam Wingard, presente anche nel predecessore) che utilizza un incipit e una struttura assolutamente analoghi al primo film: più che vero e proprio seguito V/H/S 2 appare come una vicenda parallela, consequenziale al primo episodio per questioni di natura estetica, tecnica e concettuale piuttosto che esplicitamente narrative.

Se V/H/S era infatti un tributo agli albori della ripresa amatoriale e all'estetica della bassa risoluzione, con l'elemento protagonista del titolo che diveniva chiave di volta concettuale dell'intera operazione, V/H/S 2 è viceversa un trionfo di HD e multicam privo di quello spirito vintage, in cui il nastro magnetico diviene oggetto arcano proprio in virtù del suo anacronismo.VHS 2 Film Horror La stessa funzione svolta nel primo film da Tape 56, che introduceva e inglobava i vari segmenti, è affidata qui a Tape 49 di Simon Barrett. Nonostante la situazione similare, rispetto al predecessore risulta più lineare e capace di fissare una sorta di tipologia seriale nella proiezione delle famigerate vhs, immergendo lo spettatore in una ritualità metafisica di trasmissioni ipnotiche e distorsioni sonore. Poche e frammentate informazioni sviluppano la trama di fondo dei nastri magnetici, lasciando insoluto il mistero che le circonda e ponendo le basi per eventuali futuri episodi della saga.

Il primo segmento, Phase I Clinical Trials diAdam Wingard (impegnato anche come attore protagonista), è un esperimento POV sulla falsariga di The Entire History of You, episodio della serie tv britannica Black Mirror. Un giovane, dopo aver perso un occhio in un incidente stradale, si ritrova con un impianto bionico sperimentale, che oltre a registrare qualsiasi cosa egli veda capta presenze invisibili all'occhio umano. Inizio non esaltante ma tutto sommato accettabile, risulta penalizzato dai presupposti fantascientifici che ne minano la credibilità e da un ricorrere a brividi un po' troppo facili, memori dei soliti Paranormal Activity e Grave Encounters.

A Ride in the Parkvede all'opera i fondatori del found footage moderno, quei Eduardo Sànchez e Gregg Hale responsabili quindici anni orVHS 2 Film Horror sono della geniale operazione di The Blair Witch Project, impegnati a raccontare il ciclo di vita di uno zombie, sullo sfondo di un'epidemia che colpisce un parco naturalistico dove l'ignaro protagonista si è concesso un momento di relax. Anche in questo segmento si ha un ricorso al POV, molto più credibile e riuscito del precedente, grazie alla brillante idea di utilizzare una videocamera sportiva GoPro dall'ampio angolo di visuale che regala una prospettiva assolutamente inedita ad una trama altrimenti scontata.

E' con Safe Haven di Gareth Evans che però V/H/S 2 raggiunge il proprio apice, condensando in mezz'ora una delirante e violentissimaapocalisse in cui è evidente il marchio dell'autore del cult The Raid. Una troupe riesce a strappare all'ambiguo guru di una setta indonesiana un'intervista esclusiva, ma durante le riprese gli eventi precipitano facendo piombare gli operatori in un autentico Inferno sulla terra.

Sfruttando il montaggio di varie telecamere che determinano un continuo cambio di prospettive, Evans realizza un piccolo capolavoro di capacità narrative e di messa in scena, ricco di colpi di scena e di alcuni momenti gore assolutamente memorabili.VHS 2 Film Horror L'ultimo segmento è quello che probabilmente risulterà il meno digeribile ai più: Slumber Party Alien Abduction di Jason Eisener, racconto di una psichedelica abduction in cui il personalissimo stile del regista si adatta alle meccaniche del found footage con risultati quantomai caotici. Volutamente confuso, il segmento di Eisener si avvicina maggiormente per spirito ed estetica al primo V/H/S, proprio perché concede quasi nulla all'alta risoluzione e anzi si esprime soprattutto attraverso i limiti della ripresa.

Pur comprendendo molto poco di quanto inscenato, non si può che rimanere sorpresi dalla capacità di Eisener di trasmettere il terrore dei protagonisti di fronte ad un evento straordinario servendosi di pochissimi mezzi.

Nei loro diversi bilanciamenti, da una parte una maggiore varietà e ricerca estetica e dall'altra una più profonda complessità narrativa, i due V/H/S si assestano sugli stessi livelli, e forse più che un confronto vale un giudizio sull'operazione così come appare ora nella sua (probabilmente parziale) totalità. Figlio dei tempi odierni, il progetto voluto dal portale Bloody Disgusting e dal gruppo di filmakers The Collective appare ancora come una straordinaria miniera di opportunità virtualmente inesauribile, alla stessa maniera in cui lo è il cugino The ABCs of Death, anch'esso in attesa di seguito.Allo stato attuale delle cose non si sa se il progetto continuerà e in che forma, però se questi sono i risultati c'è da sperare di ritornare quanto prima in mezzo a quelle montagne di nastri magnetici.

VHS 2 Film Horror

 

Articoli correlati
Recensioni Film
  • Venerdì, 05 Ottobre 2012
  • Da Fabio Zanchetta

Troll Hunter [2]

Tutto cambia per rimanere uguale? Scovando questa curiosa incursione norvegese nel panorama del found footage, genere che si è standardizzato molto velocemente, viene da dire l'esatto contrario,...

Recensioni Film
  • Giovedì, 11 Aprile 2013
  • Da Facundo Pippia

VHS

L’idea di partenza di V/H/S è semplice e furba: sei registi che si stanno facendo un nome nel cinema horror, girano ciascuno un cortometraggio in modo da arrivare a un prodotto più commerciabile,...

Altri articoli
  • Martedì, 29 Gennaio 2013
  • Da Super User

Il Diavolo si nasconde nella prigione di 616 - Paranormal Incident, il Trailer del Found Footage Horror

  • Mercoledì, 12 Marzo 2014
  • Da Super User

Afflicted di Derek Lee e Clif Prowse - Un passo avanti nel Found Footage Horror?

  • Venerdì, 23 Novembre 2012
  • Da Fabio Zanchetta

V/H/S

  • Venerdì, 27 Aprile 2012
  • Da Super User

The Ring 3 potrebbe essere un Found Footage Movie?

  • Martedì, 01 Aprile 2014
  • Da Super User

Le ultime novitì sul prossimo Venerdì 13 e su Freddy VS Jason 2!

  • Mercoledì, 02 Ottobre 2013
  • Da Super User

Il Nuovo Venerdì 13 sarà un Found Footage Horror? Improvviso una Trama...

  • Lunedì, 11 Febbraio 2013
  • Da Fabio Zanchetta

The ABCs of Death [1]

  • Venerdì, 14 Marzo 2014
  • Da Super User

The Borderlands - Il più importante Found Footage Horror Film dai tempi di The Blair Witch Project?

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort