SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Cargo (Cortometraggio)

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Cargo (Cortometraggio) 4.00 of 5 1 Vote.

C'è ancora qualcosa da raccontare sugli zombi? Se pensate che la domanda sia lecita pensando all'enorme quantità di film e narrativa riguardante i morti-viventi, allora forse è il caso di guardare attentamente Cargo, cortometraggio firmato Ben Howling e Yolanda Ramke e arrivato finalista al Tropfest 2013, uno dei più conosciuti festival di corti cinematografici.

 

La vicenda è questa: un uomo riprende coscienza all'interno di un automobile ma accortosi di essere stato morso da uno zombi (sua moglie o presumibilmente la sua compagna) farà di tutto per mettere al sicuro la cosa più preziosa che gli sia rimasta nonostante l'imminente trasformazione in non-morto. Non verrà qui rivelata l'entità del "carico" perchè stiamo parlando di un corto la cui idea di fondo va lasciata così: pura e toccante.

Immagini vivide e una scelta di primi piani davvero stupefacente sono condensate in 7 minuti di puro effetto.

Partiamo dall'inizio; La scelta di girare i primi concitati minuti all'interno dell'abitacolo di un automobile (probabilmente subito dopo un incidente) non solo è azzeccata ma aiuta lo spettatore a percepire ancora più intensamente e nell'immediato quel senso claustrofobico di pericolo che ha fatto la fortuna di molti film horror. Parentesi a parte ma che merita attenzione va fatta per la fantastica resa dello zombi donna all'interno dell'abitacolo: una scena davvero creepy che non ha nulla da invidiare all'enorme lavoro di make up in produzioni ben più gettonate come The Walking Dead.

Non aspettatevi nulla di simile nel prosieguo del corto. Ritornano i primi piani ma ecco che l'angolo di campo aumenta piano e piano per rivelare il cargo, ovvero il prezioso carico il cui destino si intreccerà inesorabile con quello dell'uomo, unica ancora di salvezza pur cosciente che di "umano" ben presto non conserverà più nulla a causa del morso.

Ciò che stupisce del corto australiano è la straordinaria forza che si percepisce nel raccontare una vicenda struggente ma soprattutto che nessun altra produzione cinematografica è mai riuscita a catturare nonostante buone idee sugli zombi e tanti milioni: l'umanità.

 

Articoli correlati
Recensioni Film
  • Lunedì, 02 Dicembre 2013
  • Da Salvatore Margiotta

Come una Crisalide

La Crisalide è un serial-killer che miete vittime in nome della ricerca di una purezza che non è di questo mondo. All'interno del suo delirante itinerario si incrociano la fine di una terapia...

Altri articoli
  • Giovedì, 03 Maggio 2007
  • Da Sabina Mazzoldi Pfeifer

Number 23

  • Venerdì, 28 Febbraio 2014
  • Da Alberto Genovese

The Act of Seeing with One's Own Eyes di Stan Brakhage (Cortometraggio)

  • Mercoledì, 02 Febbraio 2011
  • Da Alberto Genovese

Piranha 3D [2]

  • Giovedì, 22 Maggio 2008
  • Da Sabina Mazzoldi Pfeifer

Broken

  • Domenica, 20 Novembre 2005
  • Da Maxena

Alien degli Abissi

  • Lunedì, 10 Ottobre 2005
  • Da Lucafly

Il Gatto a Nove Code

  • Lunedì, 10 Ottobre 2005
  • Da Lucafly

Denti

  • Sabato, 03 Dicembre 2005
  • Da taake81

Salò o le 120 Giornate di Sodoma

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • porno - turk porno
  • kacakbahis99 - writing a profile for resume