SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Cosmopolis

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Cosmopolis 4.00 of 5 1 Vote.
Le contraddizioni e i paradossi mi intrigano, ma sono sempre scettico quando un film costato svariati milioni di dollari viene presentato come una critica del capitalismo: il fatto è che - non lo scopriamo certo oggi - il cinema è un'arte che è anche un'industria, e Cronenberg mi sembra una persona abbastanza onesta da non sputare su un sistema di cui fa volentieri parte e grazie al quale ha il privilegio di poter realizzare i suoi sogni/incubi artistici.Allora?Allora mi viene in mente una scena di Crash (1996) in cui il regista canadese fa dire al profeta Vaughan che l'inarrestabile mutazione del corpo umano per opera della tecnologia è solo una formuletta retorica che serve per testare se una persona è degna di fiducia e se uno abbocca, generalmente, si tratta di un idiota.Oltre alle palle d'acciaio che occorrono per fare un'affermazione simile (la fortuna critica di Cronenberg è infatti basata sul sopracitato specchietto per le allodole), ciò che va a mio avviso notato è la rivendicazione, da parte del metteur en scene, di un rapporto libero con le fonti letterarie. Il capitalismo come meccanismo distruttivo di alienazione e oppressione è una visione che appartiene all'apocalittico DeLillo: a mio avviso, infatti, in Cosmopolis-film il problema fondamentale del protagonista è che, prestando fede e adeguandosi all'immagine che dà di lui il falso profeta Benno Levin, decide di spararsi in una mano invece di usarla per dare un senso alla propria esistenza. Che so, per esempio impiegando il Capitale per girare un film, anzichè dissiparlo per assecondare un impulso narcisistico di autodistruzione.Con questo non intendo però suggerire che il regista-sceneggiatore abbia adattato per lo schermo Cosmopolis di DeLillo con il fermo proposito di criticare la critica del capitalismo presente nel romanzo: nonostante io adori il delirio complottistico alla base sia della poetica delilliana che cronenberghiana, ciò significherebbe portare il discorso a un livello di paranoia che eccede i limiti accettabili.O forse no: chi non ha condiviso lo sguardo annoiato del protagonista mentre si sorbisce un monologo di teoria finanziaria che descrive il capitalismo attraverso la metafora trita e ritrita della morte al lavoro?"

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Lunedì, 28 Maggio 2012
  • Da Super User

Cosmopolis di David Cronenberg - La Recensione del Film

  • Lunedì, 23 Settembre 2013
  • Da Aleksandar Zivojinovic

Pacific Rim

  • Martedì, 21 Dicembre 2010
  • Da bignoSoft

Rec

  • Lunedì, 04 Febbraio 2008
  • Da Fede

Rec [2]

  • Lunedì, 29 Luglio 2013
  • Da angelo armentano

Zombie Apocalypse

  • Martedì, 15 Dicembre 2009
  • Da Paolo Spagnuolo

Plague (Cortometraggio)

  • Domenica, 03 Febbraio 2013
  • Da mike

Django Unchained [2]

  • Mercoledì, 23 Maggio 2012
  • Da Super User

Il Trailer Ufficiale italiano e una Clip di Cosmopolis, il Ritorno di David Cronenberg nei Cinema

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort