SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Wampyr

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Wampyr 4.00 of 5 1 Vote.
Il giovane Martin vive in una squallida casa insieme allo zio ed alla cugina nella cittadina di Braddock in Pennsylvania.
L'occupazione principale del ragazzo è sedare giovani ed avvenenti donne per poi tagliuzzarle e bere il sangue dalle ferite, cosa che gli procura un piacere/dolore immenso. Lo zio non è d'accordo e farà di tutto per fermare queste sue pratiche.....Il maestro Romero al suo quinto film, ci propone una nuova chiave di lettura del vampiro moderno. Lo fa con una pellicola a basso budget, che a differenza di una grossa produzione, fa risaltare maggiormente l'aspetto tetro, squallido e triste delle storia. E' forse uno dei film più midnight del regista, ed anche preferiti dallo stesso e dai fans, in cui viene messo in evidenza il sobborgo americano in tutta la sua desolazione, con tutti i suoi misteri, un po' come fece Lynch con il suo Velluto Blu.L'atmosfera generale di Wampyr è volutamente triste, angosciante, a tratti grottesca. La vita di Martin è immersa nelle tenebre come quella del pipistrello raffigurato su di una delle copertine del film; le riprese notturne sono scure e claustrofobiche. Romero vede il protagonista con occhio compassionevole, perchè quella del ragazzo viene vista come una vera e propria malattia, in cui il protagonista è vittima e carnefice. I delitti di Martin sono sanguinari ed allo stesso tempo richiamano un erotismo malato. Le uccisioni iniziano come un rapporto tra amanti (anche se in alcuni casi non consenzienti) e terminano con l'efferatezza ed il sangue.
E vittima è anche lo zio del giovane che, resosi conto del problema" del nipote, cerca ci combatterlo (paradossalmente per poterlo aiutare) come un vampiro dello stile classico: con crocifissi ed aglio.Il finale è comunque ironico, nella sua tristezza. Regalandoci una nuova versione della fine di un vampiro. Che la malattia del protagonista, perchè di vera e propria malattia si tratta, è più estesa di quanto ci si aspetti, quasi come una sorta di "tossicodipendenza" a cui il protagonista e quelli intorno a lui non possono sfuggire.
Info & Curiosità: Dario Argento ha messo il suo zampino nella versione italiana del film, inserendo le musiche dei Goblin. Ne ha rimanipolato la struttura con tagli e rimontaggi, forse di dubbia qualità rispetto alla versione originale americana. A conferma del fatto che la pellicola venne prodotta con un budget estremamente limitato, molte comparse sono semplici amici o famigliari della produzione. E gli esterni del film sono luoghi naturali.Nel cast notiamo sia lo stesso Romero nella parte del prete, che il grande Tom Savini, che come spesso accade nei film in cui collabora, si occupa oltre che della recitazione anche degli effetti speciali."

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Giovedì, 11 Novembre 2010
  • Da Super User

Due Movie Clip per The Killer Inside Me, dal 26 Novembre nei Cinema italiani

  • Mercoledì, 20 Ottobre 2010
  • Da Super User

Trailer e Prime Immagini di The Killer Inside Me, dal 26 Novembre in Italia

  • Giovedì, 22 Maggio 2008
  • Da Lercio

I, Zombie [1]

  • Mercoledì, 15 Giugno 2005
  • Da Lucafly

Nameless: Entità Nascosta

  • Giovedì, 22 Maggio 2008
  • Da Marco Viola

The Hitcher: Un Passaggio per l'Inferno

  • Lunedì, 19 Dicembre 2011
  • Da Fabio Zanchetta

Non aprite quella porta III

  • Lunedì, 25 Febbraio 2013
  • Da Roberto D'Onofrio

Non aprite quella Porta 3D

  • Martedì, 23 Settembre 2008

The Darkling

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort