SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Compleanno di Sangue

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Compleanno di Sangue 3.00 of 5 1 Vote.
Alla Crawford Academy essere qualcuno significa far parte della Top Ten", l'appellativo di cui un gruppo di ragazzi si fregia con orgoglio; sono i più popolari, i più ricchi e snob della scuola e Virginia Ginny ne è entrata a far parte. Ogni sera si incontrano alla Silent Woman Tavern per bere qualcosa, fare un po' i goliardi e spassarsela. Quando una delle ragazze del gruppo non si presenta al solito ritrovo, i suoi amici non ci badano troppo, e perché mai dovrebbero?! Quindi gli amiconi lasciano il locale nella baraonda più totale per impegnarsi in una spericolata prova di coraggio: una variante della chicken run alla James Dean. Questa folle corsa in auto segna un punto di svolta nella psiche di Ginny che dopo essere stata coinvolta in un rocambolesco volo alla Boe & Duke, lascia atterrita l'auto dei suoi amici e si dirige a casa in preda ad un attacco di rabbia. Sembra che qualcosa si sia rotto dentro di lei. Qui l'affettuoso paparino la conforta e ci rivela che la sua figlioletta adorata è rimasta vittima di un grave incidente nel quale la madre ha perso la vita e che le ha causato gravi danni al cervello, che in seguito è stata sottoposta ad una cura sperimentale per ricostruire il tessuto cerebrale danneggiato e che solo da poco è tornata nella cittadina e si è ricongiunta a quel che resta della famiglia. Nella sua reintegrazione è seguita dal dottor Faraday (Glenn Ford), il suo psicologo.Mentre Ginny si impegna con tutte le sue forze per recuperare la memoria e ricostruire quello che è stato il suo passato per poter ricominciare a vivere normalmente, la spirale di morte e sangue si fa sempre più stretta intorno al gruppo dei "best friends forever". Il bodycount è ormai iniziato.Dopo l'ennesima visione, più guardavo quel volto e più mi risultava familiare. Melissa Sue Anderson dove ti ho già vista? Poi eccola lì la risposta, che scorazza felice tra le spighe di grano insieme ai suoi fratelli e sorelle. E' proprio lei, la piccola Mari Ingalls della Casa nella prateria. Anche qui una lacrima scende ... pensando a cosa potrebbe essere successo ai suoi famigliari se la Casa nella prateria fosse stata un'altra..Al centro di tutto c'è ovviamente la solita famigliola disfunzionale (non è possibile sfuggirgli e forse l'orrore al quale non si può sfuggire è questo), il classico genitore che proietta sul figlio le proprie ansie e traguardi che non è riuscito a raggiungere e che portano la progenie sull'orlo del baratro e oltre. Adulti incompetenti, figli che ne pagano lo scotto: giovani, carini e decerebrati sembra la definizione più adatta. Ma questa non vuole essere una critica, bensì un semplice e forse banale identikit dei personaggi che pur essendo a tratti caricaturali risultano incredibilmente realistici. Tutti si sono ritrovati (o sono stati essi stessi ) degli amici che avrebbero fatto fortuna in un qualsiasi circo degli orrori come fenomeni o campioni di demenza ed esibizionismo, a prescindere dall'estrazione sociale..Il film scorre via liquido mentre vengono a galla i corpi martoriati in modi sempre poco piacevoli per le vittime, ma godibilissimi per noi guardoni assetati di sangue. Tutta questa immaginazione assassina va assolutamente lodata. Siamo in bilico tra anni 70 e 80, non c'è ancora salsa rossastra ovunque, ma quanto basta per non storcere il naso sì, per cui ci si può ritenere soddisfatti. Mi ha ricordato per alcuni versi Strait-Jacket con Joan Crowford (più nella forma che nella sostanza a dire il vero), uno dei film di Castle distillato da sceneggiatura di Robert Bloch, ma è solo un lampo. Ed il finale ... non voglio togliervi la sorpresa, ma sembra proprio di essere nel paese delle meraviglie. Mi alzo in piedi e intono un buon non compleanno a te ... a te ... mentre tutti gli invitati attendono inchiodati sulle loro sedie la festeggiata e gli ultimi ospiti. Che momenti indimenticabili.Nel complesso forse un po' arzigogolato e lungo per gli standard del periodo, ma è consigliato a tutti i cuori solitari che amano i colpi di scena e che ad un triste e patetico San Valentino di Sangue preferiscono un solipsistico Compleanno di Sangue."

 

Articoli correlati

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort