SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Il Signore del Male

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Il Signore del Male 4.00 of 5 1 Vote.
Padre Loomis (Donald Pleasence) viene chiamato a sostituire un sacerdote defunto, ultimo membro della Confraternita del Sonno. Ben presto viene a conoscenza dei segreti della Chiesa, da sempre custoditi dai membri della Confraternita all'insaputa del Vaticano. Incuriosito dallo strano liquido imprigionato in un contenitore cilindrico, contatta un professore di fisica (Victor Wong, già visto e apprezzato in Grosso Guaio a Chinatown). Questi, molto interessato, decide di trascorrere il weekend all'interno dell'edificio, accompagnato dai suoi studenti, da un chimico ed un'esperta in lingue antiche per tradurre la pergamena rinvenuta nei pressi dell'oggetto misterioso. Intanto, intorno alla Chiesa comincia a radunarsi un folto gruppo di persone: giunti dinnanzi al cancello si fermano e rimangono immobili, lo sguardo perso a fissare le pareti dell'edificio...

Il film è una delle migliori opere di John Carpenter, che cura personalmente anche la sceneggiatura e la colonna sonora. La storia si sviluppa lentamente, per evitare che lo spettatore si perda nella ragnatela di input forniti all'inizio, per poi accelerare all'improvviso quando la vicenda sterza dal metafisico all'orrorifico. Pur mettendo molta carne al fuoco, dalla fisica quantistica (grande passione del regista) alle riflessioni sulla Chiesa e sul Sacrificio, Carpenter è bravo a non bruciacchiarla. Il Signore del Male non si perde in un misticismo fine a sè stesso (vedi Dracula's Legacy): frena in tempo per lasciare spazio all'azione cruenta, a badilate di scarafaggi e insettacci viscidi, teste che saltano e braccia che ricrescono. Come ne La Cosa e Distretto 13: Le Brigate della Morte, i protagonisti sono un pugno di uomini contro un nemico comune ed il campo d'azione è un territorio circoscritto, astratto dal mondo, in un certo senso assoluto (benchè la Chiesa sia circondata da case e palazzi). E per i protagonisti lo è davvero: lì si deciderà della loro sorte, prima ancora che di quella del mondo intero.

Il tema centrale non è la sopravvivenza della specie umana o la lotta tra il Bene e il Male, che sono piuttosto delle classiche macrostrutture del cinema horror, ma una spietata riflessione sulla scienza e sulla religione. L'inspiegabile, l'insondabile si affaccia da un'altra dimensione sulla nostra, rivelando un ordine delle cose diverso da quello che gli uomini si prefiguravano. Carpenter non dà una risposta, non può darla e non è sua intenzione filosofeggiarci sopra; si accontenta di mettere l'uomo con le spalle al muro di fronte al Male, e osservarne le reazioni. Il tutto è narrato con passione e maestria, mentre gli attori, calati perfettamente nei loro ruoli, modellano dei personaggi che rimangono impressi nella memoria. Non mancano le trovate bizzarre, come quando il simpatico cinesino, assediato da tre posseduti, inizia a raccontare barzellette per placare il loro istinto omicida, ma nonostante questo la pellicola non scade mai nel trash involontario. Merito di un regista bravo a tirare i fili uno per volta, senza affastellarli mai.
Degna di menzione speciale la colonna sonora. Come altre volte (Halloween e La Cosa su tutti) non si limita ad accompagnare l'immagine, ma la plasma, la sostiene, talvolta l'esalta.Il risultato è un film che non fa paura ma scuote, terrorizza lo spettatore trasportandolo nell'atmosfera claustrofobica dell'edificio e inculcandogli l'angoscia dei protagonisti, in completo stile Carpenter.Curiosità: il cantante rock Alice Cooper compare tra le fila degli invasati che circondano la Chiesa."

 

Articoli correlati

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • porno - turk porno
  • kacakbahis99 - writing a profile for resume