SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Slither

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Slither 4.00 of 5 1 Vote.
Immaginate di trovarvi braccati da un gruppo di esseri bicefali che cercano di succhiarvi il cervello e di cercare salvezza avendo a disposizione la leggendaria macchina del tempo di H.G.Wells, o la DeLorean di Marty McFly. Immaginate di venire catapultati nel 1981 nel mezzo di un Drive In di Wichita, con l'odore di pop corn e di sedili posteriori umettati da sudore adolescenziale. Cosa credete che succederebbe se, durante un'ipotetica maratona di horror vi permetteste di infilarci il contemporaneo Slither? Assolutamente niente! Già perchè Slither è un viaggio nel tempo attraverso tutta una tradizione di buon vecchio cinema horror che va dai 50' agli 80' con ironia, nostalgia e genuinità.

La stessa cittadina di 1000 B-movies, Wheelsy, viene colpita da un piccolo meteorite proveniente dallo spazio profondo. Il più ricco e invidiato cittadino, Grant Grant, scopre la pietra e viene punto dal contenuto del relitto spaziale. Da allora comincerà ad avere strani comportamenti fisici e mentali che lo porteranno ad attuare uno strano piano misterioso che prevede l'acquisto di tonnellate di carne. Dopo aver sviluppato dei tentacoli (!) sul petto, risucchierà una ragazza del luogo e la nutrirà all'inverosimile fino a farla diventare un'enorme pancia con la sua testa come ombelico al centro(!!). Una volta terminata questa assurda gravidanza, la donna esploderà liberando migliaia di strane lumache (!!!), che si diffonderanno per tutto il territorio. Gli esseri andranno a caccia dei cittadini di Wheelsy, attaccandoli ed entrandogli in bocca per farli diventare...zombi (!!!!). Questi esseri mantenuti in semivita si dirigeranno verso il loro generatore originario, per riunirsi e diventare un'enorme creatura gelatinosa. Chi fermerà l'inarrestabile invasione?

Incredibile debutto di James Gunn, uno dei protetti della Troma che ha lavorato in Tromeo and Juliet, Toxic Avenger 4 e Terror Firmer, oltre che sceneggiatore de L'Alba dei Morti Viventi (remake di Zombi) e dei film di Scooby Doo. E l'esatta commistione tra l'esperienza degli osceni" Troma e dei commerciali Universal diventa uno dei più divertenti horror del decennio.Slither si presenta come un riuscito mix tra L'Invasione degli Ultracorpi, La Notte dei Morti Viventi, Il Demone Sotto La Pelle, Blob: Il Fluido che Uccide ed un interminabile numero di altre citazioni di 30 anni ed oltre di cinema horror a questa parte. Per citare a caso, c'è Society di Brian Yuzna, c'è Rosemary's Baby, c'è tutto Romero e ci sono da John Carpenter a Frank Henenlotter disseminati tra i nomi dei luoghi e dei personaggi presenti nel film, a riprova che James Gunn è un fan dell'horror a 360° e dà il giusto tributo tanto ai mostri sacri quanto ai "geniacci meno noti". Manca solo una motosega e saremmo al completo, visto che Gunn non si risparmia niente: bambine in gonnella e preti di colore zombificati (come in Zombi e La Notte dei Morti Viventi), fanciulle insidiate nella vasca da bagno da protuberanze oblunghe (come Barbara Steele in Shivers di Cronenberg) e orge di corpi burrosi (come in Society).

Tutto questo bailamme ultragore poteva riuscire indigesto e confuso, se non fosse che Gunn è un vero drago dietro la macchina da presa. Non abbiamo dubbi che ben presto il regista 35enne diventerà uno dei nomi più quotati di Hollywood. Slither è una pellicola che piacerebbe un sacco a Joe Dante o a Steven Spielberg, per il suo sguardo infantile, disincantato e ironico sull'horror, quel modo di far paura universale proprio della produzione americana degli anni 80. Infatti, nonostante la grande quantità di splatter, notevole per un prodotto che evidentemente punta al grande pubblico, si vive il film come un'esperienza completamente coinvolgente e divertente.

Più una commedia virata verso l'horror che una horror comedy tout court, Slither si valorizza anche grazie ad un cast di tutto rispetto. Tutta la prima parte si poggia sulle spalle di un villain d'eccezione, Michael Rooker (mai dimenticato protagonista di Henry: Pioggia di Sangue) che è in ottima forma e gigioneggia col suo faccione imbronciato fino a trasformarsi in un orrido mollusco purulento dal sense of humor più squallido che si sia mai sentito. Grandissimo quando riesce ad esprimere sentimenti di amore, tristezza ed ironia anche con un trucco del genere addosso. A lui vengono affiancate una serie di star semi-televisive di rispetto, tra cui Liz Banks (Law & Order ma anche gli Spiderman di Raimi) ed eroe tipicamente carpenteriano di turno Nathan Fillion, star della serie di Josh Whedon Firefly e dell'ultima serie di Buffy.
Grandissima creatura quindi Slither, realizzata da un vero fan del cinema horror e quindi terreno fertile per qualsiasi horror maniac. Tra 10 anni sarà un cult assoluto!"

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Sabato, 03 Ottobre 2009
  • Da chris

Morbus - Bon Profit

  • Venerdì, 19 Novembre 2010
  • Da Dj Mayhem

The Horde [2]

  • Lunedì, 14 Giugno 2004
  • Da Alberto Alamia

La Notte dei Morti Viventi [2]

  • Lunedì, 08 Dicembre 2003
  • Da Marco Viola

House of the Dead

  • Domenica, 06 Marzo 2005
  • Da Luca Durante

La Notte dei Morti Viventi [1]

  • Mercoledì, 22 Settembre 2010
  • Da Alberto Genovese

The Horde

  • Mercoledì, 01 Ottobre 2014
  • Da Alberto Genovese

Zombie Night - Recensione Film

  • Lunedì, 17 Novembre 2014
  • Da Francesco paolo Cinconze

Zombi (Dawn of the Dead) - Recensione Film

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort