SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

La Chiesa

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
La Chiesa 4.00 of 5 1 Vote.
Siamo in pieno medioevo, quando alcuni cavalieri Teutonici fanno piazza pulita degli adepti alla setta dei calpestanti" (hanno inciso nella pianta del piede una croce per poterla calpestare). Seppelliti i cadaveri in una fossa comune, il prete decide di costruirvi sopra una chiesa cattolica per purificare il luogo dalla presenza del maligno. Anche il costruttore dell'edificio è stato seppellito, perché non divulgasse i segreti ed i meccanismi che si celano nella struttura. Torniamo ai giorni nostri. Evald (Tomas Arana) è il nuovo bibliotecario assunto per catalogare libri e documenti presenti nella chiesa. La dottoressa Lisa (Barbara Cupisti) è incaricata di restaurare gli affreschi e le sculture, ormai fatiscenti.
Tra i due nasce una buona amicizia, che si trasforma presto in qualcosa di più intimo. Durante un sopralluogo nei sotterranei, la dottoressa trova una vecchia pergamena che consegna ad Evald per decifrarne il codice: il foglio sembra indicare l'ubicazione di una tomba "dai sette occhi nello stesso luogo. Quando Evald la trova, una serie di allucinanti manifestazioni colpisce chiunque si trova nei paraggi. Il professore ed il sagrestano Hermann accusano problemi seri di salute e cambiamenti nella personalità, come se fossero posseduti da qualche entità oscura. Il canonico (Feodor Chaliapin) si accorge che il male è stato risvegliato e mette in moto le difese, chiudendo l'unica porta che accede alla chiesa, al suo interno rimangono intrappolati diversi visitatori, contagiati ormai dall'atmosfera diabolica che si respira. In seguito alla leggenda sulle cattedrali gotiche, secondo la quale toccando un punto preciso dell'edificio questo crollerebbe, spetterà a padre Kos aprire la tomba dell'architetto ed azionare la leva che muove il meccanismo dell'autodistruzione.
Secondo film del regista milanese e primo vero approccio al genere horror. Senza dubbio una prova più che dignitosa, anche se non priva di qualche difetto; nella sceneggiatura, ad esempio, si avverte qualche lacuna, soprattutto nel finale un po' caotico. Il fatto che sia stata scritta a sei mani (Soavi, Argento e Ferrini) non ha giovato alla completa linearità della storia. Il doppiaggio di alcuni attori sembra eseguito sotto l'effetto di qualche anestetico, tanto sembra soporifero. Anche i dialoghi non risultano sempre all'altezza della situazione, ma questo è un malcostume del cinema di genere italiano...o forse è un pregio, dipende dai punti di vista. A parte questi che alla fine risultano solo dei particolari, la storia è sorretta abbastanza bene da un regista talentuoso, con ottime scelte tecniche soprattutto sull'uso della telecamera.La storia non ha un protagonista assoluto, ma è un concatenarsi di presenze, ognuna delle quali è una tessera del mosaico. Il bravo Arana, molto attivo nel nostro cinema in quel periodo, la Cupisti e la giovane Asia Argento (nei panni di Lotte, figlia del sagrestano), nel suo primo ruolo di coprotagonista, occupano tutti uno spazio definito e forniscono una buona recitazione generale. La colonna sonora offre davvero ottimi spunti, con la presenza di mostri sacri come Goblin, Keith Emerson, Simon Boswell, ecc. Forse non tutte le soluzioni sonore vengono incastrate al posto giusto, ma merita davvero di essere ascoltata nello stereo di casa. Buoni anche gli effetti sonori, mentre quelli visivi sono stati curati da un eccellente Sergio Stivaletti, l'ultimo guru in materia di effetti speciali, che ci delizia con alcune sue creazioni davvero ben realizzate.
Una bella prova ben al di sopra della media generale dei titoli horror propinatici in quel periodo, compresi quelli di provenienza straniera.rnrnrnrnrnrnrnrnrn
rnTOP GORE
rnColpisce in particolar modo, anche per la difficoltà di realizzazione, la sequenza in cui una ragazza viene spappolata da un treno della metropolitana.
rn"

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Sabato, 01 Gennaio 2005

Il Signore del Male

  • Martedì, 20 Dicembre 2005
  • Da claudio paone

Non ho Sonno

  • Mercoledì, 02 Ottobre 2013
  • Da Alberto Genovese

Gravity

  • Lunedì, 21 Giugno 2004
  • Da Lercio

Junk

  • Lunedì, 27 Giugno 2011
  • Da Padre Karras

Murderock: Uccide a Passo di Danza

  • Martedì, 05 Luglio 2005
  • Da billyck81

La Maschera di Cera

  • Lunedì, 10 Ottobre 2005
  • Da effemme

The Exorcism of Emily Rose

  • Martedì, 28 Gennaio 2014
  • Da Super User

Online il primo spettacolare trailer dell'horror antologico 17 a Mezzanotte

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort