SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

La Casa Nera

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
La Casa Nera 3.00 of 5 1 Vote.
Un bambino nero cerca il colpaccio effettuando un furto a danno dei suoi due padroni di casa. Si reca così presso la loro abitazione insieme a due esperti (?) ladri, che non mancano di farsi fregare entrambi. Una volta intrufolatosi in casa della coppia di strozzini, il fanciullo (tanto per usare un latinismo) scopre una tremenda verità: i due infatti, che si fanno chiamare (o meglio, si chiamano tra loro) Papi e Mami, hanno passato la vita a rapire e a collezionare bambini alla ricerca del figlio/a perfetto, e rinchiudendo nelle cantine tutti i piccoli sventurati che non si comportavano bene.
Horror politico per Wes Craven, che da un'interpretazione alquanto originale dello sfruttamento del ghetto nero da parte del capitalismo bianco (il film esce durante la rivolta nera di Los Angeles). Approvato dalla critica, il film ha come limite principale una leggera ironia, sinceramente un po' fastidiosa, che lo fa somigliare a Mamma ho perso l'aereo. Per il resto il film scorre abbastanza, non manca di qualche trovata originale (il costume di Papi è già finito sulla mia letterina dei regali da mandare a Santa Claus il prossimo Natale), e può godere, tutto sommato, di buona qualità tecnica.
Anche la recitazione non è male, sebbene forse sia un po' troppo ironica per un film horror, tanto da raggiungere, a volte, dei connotati parodistici: nonostante i personaggi di Papi e Mami rappresentino i cattivi di turno, risultano invece più simpatici dell'insopportabile protagonista, che non riesco a fare a meno di paragonare proprio al piccolo Kevin del film sopra citato, e di quella smorfiosa della sua amichetta; anche i bambini rinchiusi nello scantinato sembrano più usciti da un fumetto di topolino che da un film dell'orrore: in generale quindi interpretazioni buone, ma non del tutto azzeccate. Ottime trovate invece quella di far muovere i protagonisti all'interno delle pareti della casa, cosa che sicuramente aggiunge una certa suggestività al film, o la trappola della scala che si trasforma in scivolo, in cui finiscono più volte sia i protagonisti sia i padroni di casa. Dall'altro lato lascia un po' perplessi l'esplosione finale (come diavolo fa il bambino a rimanere incolume insieme a tutti i soldi quando da fuori sembra che sia arrivata l'apocalisse? Mah!).
Tanto per tirar le somme, un film abbastanza gradevole, da guardare se non prendete l'horror troppo sul serio, ma di certo non si può gridare al capolavoro."

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Giovedì, 15 Giugno 2006
  • Da Sutter Cane

Il Custode

  • Giovedì, 19 Aprile 2012
  • Da Ugo Vantini

Quella Casa nel Bosco

  • Giovedì, 19 Aprile 2012
  • Da Super User

Quella Casa nel Bosco - La Recensione in Anteprima su Splattercontainer

  • Lunedì, 12 Aprile 2004
  • Da Alberto Alamia

La Casa con la Scala nel Buio

  • Sabato, 02 Aprile 2005
  • Da jenkin

La Casa degli Zombi

  • Venerdì, 02 Dicembre 2005
  • Da Salvatore Mennea

La Casa del Sortilegio: Boardinghouse

  • Mercoledì, 15 Gennaio 2014
  • Da Salvatore Margiotta

Quella Casa nel Bosco [2]

  • Lunedì, 26 Marzo 2012
  • Da Super User

Trailer italiano per The Cabin in the Woods, dal 20 Aprile nei cinema con il titolo Quella Casa nel Bosco

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort