SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

The Woman

Rating: 5.00/5 (1 Vote)
The Woman 5.00 of 5 1 Vote.
The Woman rischia seriamente di diventare uno dei migliori horror degli ultimi anni, senza se e senza ma. Al diavolo lo spettatore cerebroleso che al Sundance ha accusato il regista di aver realizzato un film disgustoso e misogino che degrada la donna. The Woman è l'esatto contrario, un'opera di cristallina bellezza che descrive perfettamente il marciume dell'uomo e che fa della donna il suo muro portante.Chris Cleek è un brillante avvocato, marito perfetto e padre di tre figli che abita nella più classica delle province americane, quella dei barbecue con i vicini e dei giardini curati, tanto per capirci. Ma Chris nasconde un lato oscuro che solo la sua famiglia conosce (e teme). Un giorno, durante una battuta di caccia in solitario, il signor Cleek cattura nel bosco adiacente alla sua villetta una donna selvaggia e la segrega nel capanno degli attrezzi. Con l'aiuto della moglie e dei tre figli cercherà di addomesticarla contro la sua volontà, ma ben presto la situazione degenera.Lucky McKee è un genio con le palle, c'è poco da fare. Se poi mettiamo che il regista californiano si è portato appresso Angela Bettis e lo scrittore di culto Jack Ketchum, tanto di cappello! The Woman, ancora la donna, ancora la sofferenza, ancora la violenza: McKee è tornato per narrarci di un dolorosissimo viaggio attraverso la misoginia, l'abuso e la disumanità dell'uomo. E la bravura del regista si vede fin dall'inizio, nel suo modo di raccontare attraverso il semplice uso di immagini, nell'intridere di significato ogni singolo fotogramma, nel rendere insostenibile anche la sequenza di una doccia, nel descrivere con cinico realismo una famiglia patriarcale a primo approccio impossibile, mai come ora in un tale stato di putridume e bestialità. Sean Bridgers personifica magistralmente il fallocentrico signor Cleek, l'uomo di casa che non ha timore di picchiare la moglie o di commettere altre atrocità, tanto che non si lascerà sfuggire l'occasione di catturare una selvaggia e di civilizzarla a modo suo. Ed è proprio lei, la donna del titolo, un'ineguagliabile Pollyanna McIntosh, che dopo umiliazioni carnali e lacerazioni psicologiche riuscirà a calpestare l'aberrante maschilismo radicato da troppo tempo fra le mura di quella prigione. E qui mi inchino nuovamente di fronte all'abilità di McKee nel descrivere con rara perfezione (e umanità) l'estenuante mattanza degli ultimi minuti e la relativa conclusione della pellicola.The Woman è la più bella creatura che due mostri dell'horror contemporaneo come McKee e Ketchum potessero concepire, un vortice di efferatezze e sudiciume dal quale sarà difficile uscirne senza un profondo senso di squallore e fastidio.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Martedì, 02 Dicembre 2014
  • Da Alberto Genovese

The Perfect Husband (Il Marito Perfetto) - Recensione Film

  • Mercoledì, 09 Gennaio 2013
  • Da Super User

Le Inquietanti previsioni del Signor Baffino nella nuova Clip di Frankenweenie

  • Lunedì, 05 Marzo 2012
  • Da Super User

Dagli autori degli effetti speciali de L'Arrivo di Wang, ecco il corto Mr. Wang (Spoiler)

  • Mercoledì, 16 Gennaio 2013
  • Da Super User

Dai produttori di The Woman arriva l'horror Jug Face - Bellissimo Trailer

  • Sabato, 18 Marzo 2006
  • Da Lucafly

The Stepfather: Il Patrigno

  • Sabato, 21 Novembre 2009
  • Da Super User

Dogtooth - La normalitì malata di Giorgos Lanthimos

  • Martedì, 17 Gennaio 2012
  • Da Super User

Bellissima Locandina nel Classico Stile Hammer per The Woman in Black

  • Giovedì, 26 Novembre 2009
  • Da Dj Mayhem

2019: Dopo la Caduta di New York

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort