SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

The Whisperer in Darkness

Rating: 5.00/5 (1 Vote)
The Whisperer in Darkness 5.00 of 5 1 Vote.
Il prof. Albert Wilmarth è docente di lettere alla Miskatonik University di Arkham, grande appassionato e studio del folklore locale, si trova ad intraprendere una particolare corrispondenza con un certo Henry Akeley del Vermont, il quale sostiene di essere in contatto con una strana razza aliena che dimora nelle colline vicine. Wilmarth è piuttosto scettico, ed anche le numerose testimonianze di avvistamenti riportati nelle cronache e alcune foto di impronte non lo convincono. Una ultima lettera di Akeley comunica al professore che le intenzioni degli alieni sono pacifiche e lo invita a casa sua, così Wilmarth parte per il Vermont dove farà una scoperta terribile.Torna la H.P.Lovecraft Hystorical Society con la riproduzione su pellicola di uno dei più famosi racconti del solitario di Providence, come già con 'The Call of Cthulhu' il film è stato realizzato come se fosse stato girato negli anni '20, quando Lovecraft scrisse, ed ambientò, il racconto. A differenza del primo film, muto con le tavole descrittive intervallate alle immagini, The Whisperer (ambientato nel 1927) contiene dialoghi e sonoro.Il risultato, manco a dirlo, è eccezionale.Sean Branney e Andrew Leman (sceneggiatura, produzione, direzione) colgono ancora una volta nel segno: le scenografie degli spazi aperti (le colline del Vermont, il tunnel), degli ambienti chiusi (la Miskatonic, la casa di Akeley, il teatro con il dibattito radiofonico), ma soprattutto la riproduzione degli apparecchi alieni e degli stessi Mi-Go (in CGI), sono perfette fino al dettaglio.L'interpretazione degli attori, Matt Foyer (già protagonista del Richiamo di Cthulhu) su tutti, è decisamente convincente e in pieno stile anni '20, con espressioni e cadenze vocali molto impostate e espressive come si usava agli albori del cinema.Per quanto riguarda la sceneggiatura Branney e Leman hanno dovuto, per mere ragioni cinematografiche, apporre qualche variante al racconto, sebbene non si discosti dall'originale. Chi ha letto il racconto ricorderà pagine e pagine di scambio epistolare tra i due protagonisti e di riflessioni del prof.Wilmarth che, su pellicola, potevano risultare pesanti. Inoltre più che un finale diverso rispetto al racconto il duo ha immaginato una sorta di continuazione, in linea comunque con il filo narrativo, dopo la fuga di Wilmarth da casa Akely.Infine menzione speciale per la realizzazione dei Mi-Go, non in stop motion come il Grande Cthulhu, bensì in CGI, ma decisamente ben realizzata e di sicura efficacia.In conclusione un film che gli amanti di Lovecraft non possono non vedere, per tutta la pellicola si vive la stessa atmosfera di quando si leggono i suoi racconti, ed emerge il grande amore dei due sceneggiatori/produttori per uno dei più grandi scrittori di sempre.Trailer: Cthulhulives.org/Whisperer/trailerFoto: Cthulhulives.org/Whisperer/gallery

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Mercoledì, 27 Gennaio 2010
  • Da Pizzo the Bad

Il Mistero di Lovecraft: Road to L.

  • Martedì, 03 Maggio 2011

The Last Lovecraft: Relic of Cthulhu

  • Martedì, 23 Giugno 2009
  • Da Paolo Spagnuolo

The Wizard of Gore

  • Lunedì, 24 Maggio 2004
  • Da Salvatore Mennea

Sola in Quella Casa

  • Lunedì, 08 Dicembre 2003
  • Da Luca Durante

La Casa

  • Martedì, 05 Ottobre 2004
  • Da Roland

La Casa delle Ombre Lunghe

  • Sabato, 16 Giugno 2012
  • Da Super User

Il nuovo racconto di Micheal Guarneri nel prossimo numero de La Luna di Traverso

  • Venerdì, 15 Luglio 2005
  • Da Maxena

La Casa 3: Ghosthouse

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort