SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

The Tunnel [3]

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
The Tunnel [3] 3.00 of 5 1 Vote.
Ammetto che la mia idea riguardo questo genere che ha visto il suo periodo d'oro nel decennio appena passato, il found footage, è contrastante. Certamente questi film possiedono un potere di attrazione particolare, una capacità di immersione dello spettatore che si trova spesso a provare tensione e paura indipendentemente dalle qualità del film stesso. Ma quindi cos'è il found footage? Una scelta poetica definita oppure una virata nell'intrattenimento più becero, una sorta di 3D divenuto genere cinematografico?Dopo The Blair Witch Project, e il suo seminale esperimento di marketing virale, i vari Cloverfield , Rec e Paranormal Activity hanno tracciato la via, sempre risultando affascinanti per la loro capacità di far vivere in prima persona le vicende raccontante ma allo stesso tempo lasciando una sensazione di incompiuto riguardo le potenzialità artistiche del prodotto, che sembra destinato a muoversi istintivamente ma su binari prestabiliti.E, come tutti noi Splattermaniacs sappiamo, in quel limbo infernale di eterna riproposizione di sceneggiature, personaggi, colpi di scena, in cui sono piombati da tempo lo slasher e il zombie movie, prima o poi tutti generi horror ci finiscono.The Tunnel, di cui si è parlato ampiamente per la sua innovativa campagna di raccolta fondi e la sua successiva distribuzione libera attraverso il peer-to-peer, è dichiaratamente figlio dei capostipiti moderni del genere ma, pur percorrendo una strada già tracciata, cerca in qualche modo di dare una forma più compiuta alla poetica del genere.L'inserimento del found footage all'interno di una struttura mockumentary, cosa già vista in Lake Mungo, ha fatto storcere il naso a molte persone, ma a mio avviso questa è stata una scelta intelligente e meditata, che ha permesso al regista di cucire tra loro filmati di diversa provenienza senza ledere la loro credibilità documentaria (cosa che invece succede in Rec 2 proprio a causa della mancanza di una giustificazione interna al film dell'unione di più filmati). Inoltre questo espediente porta all'inevitabile abbandono della struttura ormai stereotipata del genere, quel crescendo di tensione culminante tipicamente negli ultimi secondi della pellicola. Questo anticlimax finale, oltre ad essere un elemento di novità, dal mio punto di vista è funzionale al modo, in fin dei conti antico, in cui il regista racconta l'orrore, preferendo ad un registro grandguignolesco una stimolazione della tensione attraverso sottili suggestioni visive ed uditive.Chi cerca un horror truculento lasci perdere The Tunnel: gli autori sposano in pieno l'assunto lovercraftiano secondo il quale la paura più grande è quella per ciò che ci è ignoto, raccontando di labirinti che attraversano il sottosuolo delle città, dell'oscurità che si annida vicino a noi e di come questa essa divori chi, armato di telecamere e microfoni, tenta di raccontarla. La creatura che vive all'interno di questi tunnel rimane un mistero, e sono gli stessi sopravvissuti ad ammettere ad un certo punto della pellicola che la pellicola stessa non fornisce risposte.A voler essere cattivi viene da dire che seminare interrogativi senza dare risposte è il gioco più facile da giocare per chi si trova a dover gestire un budget ridotto, ma in realtà Ledesma ha trovato in tutto ciò la dimensione ideale per mettere nero su bianco il proprio manifesto estetico del found footage. Suoni distorti ed agghiaccianti che sono l'ultima traccia di una persona scomparsa nel nulla, un frame che cattura l'orrore sfuggente, il terrore di percepire nella discontinuità della visione notturna il fatto raccapricciante che si sta consumando davanti ai protagonisti: raramente l'estetica metafilmica e a bassa risoluzione del found footage è stata utilizzata in maniera tanto lucida, soprattutto con una tale efficacia nel rappresentare il rapporto tra personaggi e ambienti in cui si svolgono i fatti.The Tunnel appare come un intelligente ragionamento su quanto prodotto fin'ora da un genere che forse non ha mai avuto velleità artistiche ma che potrebbe averle con una maggiore consapevolezza di se stesso. Allo stesso tempo però il regista finisce per inciampare in ricorrenti deja vu, quasi fastidiosi nelle fughe concitate e nelle riprese notturne ansimanti: peccato di inesperienza oppure dimostrazione del fatto che il genere è intrappolato in un labirinto i cui cunicoli sono già stati ampiamente esplorati senza trovare l'uscita?

 

Articoli correlati
Recensioni Film
  • Venerdì, 05 Ottobre 2012
  • Da Fabio Zanchetta

Troll Hunter [2]

Tutto cambia per rimanere uguale? Scovando questa curiosa incursione norvegese nel panorama del found footage, genere che si è standardizzato molto velocemente, viene da dire l'esatto contrario,...

Recensioni Film
  • Giovedì, 11 Aprile 2013
  • Da Facundo Pippia

VHS

L’idea di partenza di V/H/S è semplice e furba: sei registi che si stanno facendo un nome nel cinema horror, girano ciascuno un cortometraggio in modo da arrivare a un prodotto più commerciabile,...

Recensioni Film
  • Martedì, 18 Giugno 2013
  • Da Fabio Zanchetta

VHS 2

Forte del successo virale ottenuto in rete e ben lontano dall'aver esaurito il proprio potenziale, torna V/H/S, fulmine a ciel sereno nello stantio panorama found footage che nemmeno un anno fa ha...

Altri articoli
  • Sabato, 10 Novembre 2012
  • Da Fabio Zanchetta

Atrocious

  • Martedì, 02 Luglio 2013
  • Da Fabio Zanchetta

The Lost Dinosaurs

  • Martedì, 29 Gennaio 2013
  • Da Super User

Il Diavolo si nasconde nella prigione di 616 - Paranormal Incident, il Trailer del Found Footage Horror

  • Mercoledì, 12 Marzo 2014
  • Da Super User

Afflicted di Derek Lee e Clif Prowse - Un passo avanti nel Found Footage Horror?

  • Mercoledì, 02 Ottobre 2013
  • Da Super User

Il Nuovo Venerdì 13 sarà un Found Footage Horror? Improvviso una Trama...

  • Martedì, 28 Maggio 2013
  • Da Pizzo the Bad

The Frankenstein Theory

  • Lunedì, 28 Gennaio 2013
  • Da Super User

Il Mostro di Frankenstein è Reale e vive nel Found Footage Horror The Frankenstein Theory

  • Venerdì, 14 Marzo 2014
  • Da Super User

The Borderlands - Il più importante Found Footage Horror Film dai tempi di The Blair Witch Project?

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort