SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

The Rage

Rating: 2.00/5 (1 Vote)
The Rage 2.00 of 5 1 Vote.
Dopo innumerevoli prodotti firmati da baby cineasti che hanno cercato di rievocare le atmosfere old school degli horror anni 80/90, ecco finalmente all'opera un uomo che quegli anni li ha vissuti direttamente sul campo, contribuendo con la sua KNB Efx (lui è il mister K dell'acronimo formato da Greg Nicotero e Howard Berger) alla nascita di Cult come La Casa 2, Tremors, Predator, Nightmare 5, L'Armata delle Tenebre e decine di altri titoli memorabili. Mi riferisco a Robert Kurtzman che nel 1997, con la supervisione di Wes Craven, firmò la regia di Wishmaster, pellicola che vedeva riuniti personaggi del calibro di Robert Englund, Tony Todd, Kane Hodder e che aveva come protagonista un perfido Andrew Divoff nella parte del Djinn.Ed è proprio la coppia Kurtzman-Divoff che ritorna insieme dopo dieci anni in questo The Rage, pellicola d'esordio della neonata Precinct 13 Entertainment, compagnia di produzione fondata dallo stesso Kurtzman con sua moglie dopo aver lasciato la KNB. The Rage è un tuffo nell'horror trash più grottesco e scanzonato, un calderone sanguinolento dove sguazzano scenziati folli, avvoltoi killer, ributtanti creature deformi e sanguisughe giganti, tutti impegnati a massacrare (e divorare) i poveri malcapitati che avranno la pessima idea di avventurarsi in un apparentemente pacifico bosco fuori città. La rabbia citata nel titolo è quella legata ad un virus che il dottor Viktor Vasilienko (Divoff) inietta alle proprie cavie umane per i suoi deliranti esperimenti, i quali hanno però l'unico tragico risultato di trasformare le persone in mostruose bestie con un implacabile languore allo stomaco. Sarebbe superfluo iniziare la consueta lista di pellicole alle quali il plot di The Rage potrebbe somigliare, anche perchè l'originalità non è palesemente il fine ultimo di Kurtzman: quello che ci si deve aspettare dal film è unicamente un party b movie, ovvero il classico film da zero concentrazione ideale da proiettare durante le serate baldoria con i vostri amici più tamarri. Spiace solo che la recitazione dei giovani protagonisti sia davvero sotto il livello di guardia (si salva solo l'ottimo Andrew Divoff e Reggie Bannister in un piccolo cameo), così come alcuni poco convincenti effetti speciali in CGI (i già citati avvoltoi killer), anche se questi ultimi contribuiscono, involontariamente o meno, a svaccare simpaticamente il film. Attendo a questo punto i prossimi progetti di Kurtzman: To Live and Die e Bump.ENGLISH TRANSLATION (a cura di Mirko Toro)
After several products signed by baby cinematographers who tried to recall the atmospheres of old school 80's/90's horror movies, finally we see at work a man who directly experienced those years on the field, contributing with his KNB Efx (he is mister K, where Greg Nicotero is N and Howard Berger is B) to the birth of Cults such as Evil Dead 2, Tremors, Predator, Nightmare on Elm Street 5, Army of Darkness and dozens of other memorable titles. I am talking about Robert Kurtzman who, in 1997 with the supervision of Wes Craven, signed the direction of Wishmaster, film that showed actors such as Robert Englund, Tony Todd, Kane Hodder and had a wicked Andrew Divoff as protagonist playing Djinn.In fact the couple Kurtzman-Divoff is back together after ten years with The Rage, debut film of the new-born Precinct 13 Entertainment, a company founded by Kurtzman himself and his wife after leaving KNB. The Rage is a gory dive into the most grotesque and unconventional horror trash, a blood dripping cauldron where mad scientists, killer vultures, disgusting deformed creatures and gigantic leeches are all involved in slaughtering (and devouring) the poor victims who have the bad idea of adventuring into an apparently pacific wood outside town.
The rage of the title is linked to a virus injected by doctor Viktor Vasilienko (Divoff) into his human guinea pigs for his delirious experiments, of which the only tragic result is to transform people into montrous beasts with a merciless hunger. It would be unnecessary to begin the usual list of movies The Rage resembles, also because originality is not Kurtzman's ultimate goal: The Rage is a party b movie, a classic zero concentration horror perfect for an evening of fun with your bloodiest friends. Unfortunately it's a pity that the young protagonists' acting is below the average level (saving only the great Andrew Divoff and Reggie Bannister in a small cameo). Same thing for some not so convincing special effects in CGI (the previously mentioned killer vultures), even though these contribute to increase the funny time level of the movie. At this point, I am going to wait for Kurtzman's next projects: To Live and Die e Bump.

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Mercoledì, 18 Febbraio 2009
  • Da Marco Viola

The Cottage

  • Lunedì, 15 Dicembre 2014
  • Da Fabio Zanchetta

Wolf Creek 2 - Recensione Film

  • Lunedì, 01 Marzo 2010
  • Da Super User

Candyman 4 - In lavorazione? No è giì morto!!!

  • Venerdì, 07 Giugno 2013
  • Da Super User

Venerdì Trailer - Quel Motel vicino alla Palude di Tobe Hooper

  • Giovedì, 11 Aprile 2013
  • Da Super User

La Foto del Giorno - Greg Nicotero e Bruce Campbell sul set de La Casa 2

  • Mercoledì, 01 Dicembre 2004
  • Da Salvatore Mennea

Venerdì 13 Parte VII: Il Sangue Scorre di Nuovo

  • Giovedì, 12 Maggio 2011
  • Da mike

Die Farbe

  • Martedì, 12 Febbraio 2013
  • Da Super User

VS Reviews - Fido di Andrew Currie

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort