SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

The Park

Rating: 1.00/5 (1 Vote)
The Park 1.00 of 5 1 Vote.
Imbarazzante. Basta un solo aggettivo per definire The Park, raccapricciante opera di Andrew Lau che solleva non pochi dubbi sulla qualità dei film provenienti dall'oriente e che invadono il mercato occidentale, senza che nessuno si curi di selezionarli, evitandoci simili orrori. La trama è terribilmente sconclusionata (del resto il soggetto non si prestava a chissà quali finezze narrative): breve prologo, che tutto sommato lasciava ben sperare, ambientato in un luna park festoso, fino a quando una bambina cade dalla ruota panoramica e muore, suscitando indicibili turbe psichiche ad un clown che subito dopo si suicida impiccandosi. Quattordici anni dopo Alan, uno studente che aveva assistito al fattaccio, decide di andare ad esplorare il parco e sparisce misteriosamente inghiottito dal terreno. Purtroppo, visto che evidentemente ad Hong Kong non esistono poliziotti o investigatori privati, la sorella sarà costretta ad andarlo a cercare per conto suo seguita da un colorito gruppo di amici cerebrolesi. Inutile dire che i nostri sette eroi dovranno fare i conti con una serie di fantasmi, visioni, presenze, mostri e chi più ne ha più ne metta, che da anni risiedono nel luna park e attendono con impazienza nuove vittime.


Le già scarne potenzialità di una storia che scimmiotta in modo becero gli slasher peggio riusciti, strizzando l'occhio verso tutti gli stereotipi del cinema horror orientale, vengono definitivamente demolite da una realizzazione approssimativa, da una sceneggiatura scritta da un pazzo sotto effetto di droghe pesanti e, soprattutto, da una recitazione ai limiti del comico (volendo si potrebbe puntare il dito contro il doppiaggio, ma dubito che nella versione originale i dialoghi raggiungano vette da tragedia shakespeariana). Scene imbarazzanti come l'ingresso nel luna park della madre, che salva la vita alla figlia uccidendo i fantasmi fotografandoli (ricorda molto da vicino l'episodio in cui la famiglia Simpson rimane intrappolata nel parco giochi di Grattachecca e Fichetto) e facendo mosse da kung fu con discutibili rallenty, nemmeno fosse Matrix o avrà sbagliato numero dopo che una voce sinistra al telefono predice lo sterminio ad uno dei protagonisti terrorizzati, sono talmente patetiche che non ce le aspetteremmo nemmeno dalla copia più sbiadita di un qualsiasi Scary Movie.


Potremmo, poi, andare avanti ancora a lungo, ricordando, ad esempio, la paurosa statua di cera che aggredisce saltellando, la solita donna coi capelli sulla faccia o il ragazzino pitturato di bianco (piazzati insieme in una scena assolutamente incomprensibile e priva di qualsiasi logica rispetto al resto della storia). Potremmo interrogarci sul finale con le foto ricordo agli spiriti, tutti in posa quasi come fosse lo spot natalizio di Mediaset. Potremmo analizare i complicati intrecci sociologico-sentimentali che vedono protagonisti i ragazzi (non meriti di essere il suo ragazzo, non sai nemmeno che non le piace il caffè!") o potremmo discutere della brillante idea delle scene da vedere con gli occhialini 3-D, rendendo la visione di alcune parti un autentico supplizio per le pupille, oltre che per la dignità dello spettatore. Potremmo, ma sarebbe veramente troppo per un film simile. L'unico vero orrore è sapere che esiste in giro qualcuno che spende soldi per produrre simili abomini."

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Giovedì, 17 Febbraio 2011
  • Da Super User

Il Grande Cthulhu sbarca a South Park: il Dossier

  • Sabato, 17 Febbraio 2007
  • Da taake81

I Delitti della Luna Piena

  • Mercoledì, 18 Maggio 2011
  • Da Francesco Scardone

Oldboy

  • Lunedì, 13 Novembre 2006
  • Da moriarty

Il Tunnel dell'Orrore

  • Mercoledì, 20 Febbraio 2013
  • Da Super User

Nuovo Spot TV per Non aprite quella Porta 3D - Leatherface al Luna Park!!!

  • Giovedì, 05 Dicembre 2013
  • Da Serena Aronica

Oldboy di Spike Lee (Remake)

  • Venerdì, 21 Giugno 2013
  • Da Francesco Scardone

Stoker

  • Lunedì, 28 Novembre 2011
  • Da Alessandro Lago

Confessions

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort