SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

The Gravedancers

Rating: 2.00/5 (1 Vote)
The Gravedancers 2.00 of 5 1 Vote.
Prologo: una sorta di poltergeist uccide una ragazza. La scena è cruenta e di grande effetto.Titoli di testa: la mdp vaga attraverso le lapidi di un classico cimitero americano. La musica ed il tipo di ripresa ricordano da vicino alcune produzioni delle ultime fasi di vita della Hammer.La storia: Harris, Kira e Sid s'incontrano in occasione del funerale di un loro amico. Sid, il più spregiudicato dei tre, propone agli altri di entrare nottetempo nel cimitero per dare un ultimo e goliardico saluto alcolico al loro caro amico defunto. Durante i funerei cin-cin ai piedi della lapide del loro compagno rinvengono una lettera. Lo scritto li invita a recitare una specie di preghiera e a ballare sulle lapidi. Così facendo risvegliano alcune malefiche anime maledette. Riusciranno i nostri sprovveduti eroi a salvarsi da questa maledizione? Basterà l'aiuto di un esperto del paranormale e della sua saccente collaboratrice?Supposizione: Mike Mendez, il regista di questo The Gravedancers, dev'essere un grande appassionato di film horror. Uno di quelli maniacali che ha visto e studiato centinaia di pellicole di genere. Aggiungo anche che probabilmente avrà circoscritto le sue visioni a film girati negli ultimi 20-30 anni. Si accettano scommesse: Creepshow ha un posto d'onore nella personale videoteca del regista, probabilmente espone questo dvd o vhs custodito in una teca dorata in cima al suo caminetto.Vera o falsa che sia questa mia supposizione il nostro Mike ha infarcito questo film con decine di citazioni e soluzioni registiche classiche degli horror degli anni 80-90. Il risultato non è malvagio ad esclusione di un paio di sequenze un pò troppo scontate. Si segue così la scia qualitativa di The Convent, che nel 2000 iniziò a far circolare il nome di Mendez nel giro che conta. Film discreti a cui però manca quel quid per renderli completamente efficaci nel perseguire il risultato: far paura per tutta la sua durata. A tal proposito gli sceneggiatori Keene e Skinner avrebbero dovuto osare di più inserendo almeno qualche elemento innovativo in una storia che, come tante altre, descrive una classicissima dicotomia maledizione/castigo. Per il resto, ripeto, il film è discreto. Un'opera che vive d'improvvisi scatti e picchi di tensione alternati a momenti un pò troppo guidati.
L'uso degli effetti speciali digitali è buono e raddrizza qualche stortura dello script, mentre nelle scene in cui ci si è affidati a effetti speciali più tradizionali The Gravedancers perde alcuni punti. Ma stiamo pur sempre parlando di un discreto e divertente prodotto low budget.Curiosità:
- Il film fu ideato come primo episodio di una trilogia. Il progetto fu poi abbandonato.
- A Brad Keene è stata affidata la stesura di una parte della sceneggiatura di The Grudge 3 (la cui uscita è prevista nel 2009)
- In molti dei ruoli secondari del film recitano alcuni membri della troupe (sceneggiatori inclusi).

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Lunedì, 26 Luglio 2004
  • Da Lercio

Zombie 90: Extreme Pestilence

  • Mercoledì, 31 Marzo 2010
  • Da Super User

Creature Corps - Paura e Delirio a St. Louis per lo Stand della Casa di Special FX di Robert Kurtzman

  • Martedì, 24 Maggio 2011
  • Da Super User

Il Fantastico Mondo degli Effetti Speciali: la Creature Corps di Robert Kurtzman

  • Venerdì, 25 Maggio 2007
  • Da Laura Da Prato

The Nun

  • Mercoledì, 11 Luglio 2012
  • Da m.Dellamorte

Guinea Pig

  • Domenica, 12 Settembre 2010
  • Da Paolo Spagnuolo

Heart of Karl (Cortometraggio)

  • Giovedì, 18 Luglio 2013
  • Da Super User

Tre terrificanti episodi nell'Horror Antologico Phantasmagoria

  • Martedì, 14 Maggio 2002
  • Da Dente di Fata

Inferno

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort