SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

The Call 2

Rating: 1.00/5 (1 Vote)
The Call 2 1.00 of 5 1 Vote.
Il primo film di Takashi Miike distribuito in Italia è stato Chakushin Ari - One Missed Call (The Call - Non rispondere, giunto da noi nel 2004), in cui la morte preavvertiva la sua vittima con una chiamata al suo cellulare.
Oggi la saga del cellulare assassino continua con un nuovo regista, il televisivo Tsukamoto Renpei, ed un cast totalmente rinnovato e capeggiato dalla star televisiva Mimura.

Per il resto il film segue una trama che ricalca a grandi linee il primo capitolo, non uscendo dal seminato che ha riscosso un così gran successo da giustificare un secondo episodio. Non a caso usiamo il termine episodio, perché la cifra stilistica del film ricalca stereotipi di derivazione televisiva e i momenti shock, sebbene ricorrenti, sono furbescamente prevedibili e puntano troppo su effetti cinematografici (effetti sonori e trucchi di montaggio) piuttosto che sulla scrittura e la creazione di un'atmosfera realmente angosciante.
The Call 2 mostra il fiato corto, riesumando l'ennesima bambina violentata in vita e vendicativa da morte, l'ennesimo look da viso pallido, occhi assenti, e lunghi capelli neri a celarle il viso, le ennesime movenze aracno-disarticolate. Sembra oramai che questa sia la maschera preferita del cinema horror orientale, una maschera trasversale perché non caratterizzante un unico filone - come erano Freddy Krueger per Nightmare, Michael Myers per Halloween e Jason Voorhees per Venerdì 13 - ma il vero e proprio genere horror orientale - da Ringu a Ju On -.

La globalizzazione del mercato cinematografico, l'utilizzo di registi orientali in produzioni hollywoodiane, se da una parte ha contribuito ad ampliare la nostra cultura visiva, dall'altra ha comportato uno sfruttamento generalizzato di stilemi e codici narrativi da generare un generale appiattimento su formule vincenti ma oramai abusate.

One Missed Call 2 è vittima di tutto questo e l'unica novità introdotta è l'uso di videofonini in cui la presenza maligna si manifesta inconsapevolmente alle nostre spalle, come nella scena più riuscita della pellicola.

 

Articoli correlati

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort