SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Signs

Rating: 4.00/5 (1 Vote)
Signs 4.00 of 5 1 Vote.
Graham Hess vive in un paese della Pennsylvania, in una splendida fattoria circondata da un enorme campo coltivato a grano. E' un pastore protestante che ha lasciato i voti dopo aver perso moglie e Fede in un incidente. Nonostante tutto si sforza di andare avanti, interpretando il ruolo di padre e madre per i suoi due figli: la piccola Bo, lunatica, paranoica e adorabile, e suo fratello maggiore Morgan, asmatico e iperprotettivo nei confronti di sua sorella. Tra padre e figli, dopo la scomparsa prematura dell'amata Colleen, si è purtroppo perso qualcosa, ma c'è un anello collegante tra loro. Il fratello minore di Graham, Merrill, che cerca in tutti i modi di dare forza alla sua famiglia, ma soprattutto di farla restare unita.

L'ex uomo di Chiesa è ormai convinto che non esista più nessun segno che faccia pensare ad una vita aldilà di quella terrena; infatti quando una mattina scorge con grande stupore nel suo campo di grano quegli enormi passi di Dio, quei segni dallo spazio, non vede nient'altro che stupidi scherzi di gente fuori di senno. Cerca così di tranquillizzare, con poco successo, i bambini che ormai sono già convinti che qualcosa invaderà il loro paese, la loro casa...la loro mente. Quando poi le coincidenze iniziano ad essere troppe e per Graham appare fin troppo evidente il terrore negli occhi della sua famiglia, è lì che si rende conto che è il solo a credere in uno stupido scherzo...ma forse nemmeno lui l'ha mai creduto veramente.


Ogni volta che Shyamalan è in procinto di terminare un suo film, la sua mente è già proiettata verso una nuova storia. L'importante per lui è disporre di un'idea di base di forte impatto, un incipit essenziale, qualcosa di originale ed emozionante che sia in grado di coinvolgere in maniera univoca qualsiasi tipo di pubblico: da quel guizzo inventivo il resto prenderà forma quasi spontaneamente. Così fece con Il Sesto Senso, così con Unbreakable, così ha fatto ora con Signs. Una pellicola densa di significati, di simbolismi, di segni. Tutto gravita attorno alla figura di un pastore, Graham, un uomo travolto a tal punto dal dolore per la scomparsa della moglie, da portarlo a rinnegare persino ciò che fino a quel terribile momento era parte della sua stessa anima, quel Dio al quale aveva dedicato la propria esistenza e per il quale nutriva un profondo sentimento di fiducia incondizionata e di amore, ora tramutato in pura e cieca collera. Se realmente fosse esistito un Dio, come avrebbe potuto permettere che un destino così nefasto si abbattesse su uno dei suoi più fedeli devoti? No, non c'è nessuno all'infuori di noi, siamo soli, soli con le nostre paure, con le nostre incertezze. Il cinema di Shyamalan non ha una bandiera; un'identità geografica ben definita; non si può considerare sicuramente un tipico prodotto americano.

Il motore cardine delle sue pellicole sono infatti quelle sensazioni, quel ventaglio di sentimenti che altalenano dall'orrore sino alla commozione più profonda, stati d'animo insiti in ogni individuo, a prescindere da dove esso provenga; il cast, la scenografia o la colonna sonora sono si di fondamentale importanza, ma svolgono un ruolo di interpreti a quello che poi è il messaggio principale dei suoi film. Signs non è un horror, sebbene contenga alcune scene da brivido; non è un film di fantascienza, nonostante la spaventosa incombenza di un'invasione aliena si respiri dall'inizio alla fine. Signs è la rappresentazione, chiaramente in chiave cinematografica, del percorso dell'uomo, un cammino spesso tortuoso e complesso, costellato da infinite gioie ma anche da strazianti dolori, un cammino troppo perfetto e articolato da far pensare che qualcuno lo abbia già pianificato per noi, nel bene e nel male, un qualcuno che talvolta, per aiutarci nella sua comprensione, ci suggerisce la strada più giusta con dei segni, sia che essi possano incarnarsi in macroscopici eventi come un mostro venuto dallo spazio, sia in impercettibili indizi come un semplice ed innocuo bicchiere d'acqua.

 

Articoli correlati
Film
  • Sabato, 28 Giugno 2008

Signs

Gli uomini si dividono in due grandi gruppi, quando gli capita un colpo di fortuna i primi ci vedono di più che mera fortuna, che mera coincidenza...lo vedono come un segno, come la prova che esiste...

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort