SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo

Sette Note in Nero

Rating: 3.00/5 (1 Vote)
Sette Note in Nero 3.00 of 5 1 Vote.
Inghilterra 12 ottobre 1959 ore 11:45
Una donna giovane e attraente, dopo aver preso la sua macchina ed essersi portata sul ciglio di una scarpata affacciata direttamente sul mare, si uccide lasciandosi cadere sulla scogliera, ignara che da lontano qualcuno la osserva.
Firenze 12 ottobre 1959 ore 11:45
Una bambina, in visita con la scuola nello splendido capoluogo, improvvisamente subisce la visione della madre suicida nella lontana Inghilterra.
Gli anni passano e Virginia cresce, diventa donna. Quella della morte della madre fu la prima e ultima visione che ebbe e, da poco felicemente sposata, decide di tornare in Italia per restaurare un vecchio casale appartenente a suo marito con l'intento di fare a quest'ultimo una piacevole sorpresa. Un giorno però, tornando in macchina dall'aeroporto dove si era appena congedata dal consorte, succede qualcosa: guidando, Virginia ha nuovamente una visione e anche stavolta si tratta di un macabro presagio. Una casa; un uomo, forse un assassino; una donna anziana murata viva nella parete di una stanza, probabilmente un salotto o qualcosa del genere. Tutto è confuso e poco chiaro, l'unica certezza è che Virginia non ha mai visto in vita sua nè quel luogo nè quella donna. Svegliata da un poliziotto che la trova in macchina svenuta, Virginia prosegue tranquillamente il suo percorso. La donna quindi raggiunge il casale, dove, accompagnata dal custode, giunge nella camera in cui il marito, le dice l'uomo, soleva andare a donne:Ops...forse questo non dovevo lasciarmelo scappare...si è offesa? - No, non si preoccupi!, risponde sorridendo. Ma...un momento...tiriamo giù i teloni dai mobili...sì, non c'è dubbio, è proprio la stanza della visione, e lì si trova il punto dove è stata murata l'anziana signora. Dopo aver picconato la parete ecco infatti spuntare fuori il cadavere di quest'ultima: Virginia ora deve scoprire l'identità dell'assassino che è stato in grado di compiere un gesto così orribile.

Davvero buono questo film girato dal Maestro artigiano ancora nella fase iniziale della sua carriera nel genere thriller-horror. La trama, consistente in un giallo con delle sfumature sul soprannaturale, viene sviluppata in maniera eccellente: è come se lo spettatore aprisse la scatola di un puzzle con tutti i pezzi messi alla rinfusa, e piano piano la figura venisse ricostruita man mano che ogni singolo tassello trova la sua collocazione, in un minuzioso lavoro di ricostruzione mentale che alla fine ci darà le soddisfazioni promesse.Ottima la sceneggiatura (con solo qualche falla sorvolabile), così come le interpretazioni del cast, sempre convincenti e adatte a mantenere alta la tensione che si respira fin dalle primissime scene della pellicola. A differenza del resto della filmografia di Fulci, di sangue in questo film se ne vede poco; come di scene particolarmente violente. Più che degne di nota sono anche la fotografia, che a tratti luminosa va diventando più oscura con lo sciogliersi degli intrighi; le ambientazioni tra campagna e città mixate senza darsi battaglia; come anche le musiche, perfettamente adatte ad accompagnare tanto la ricostruzione della immagine misteriosa quanto a ricreare l'atmosfera a metà tra la tensione da giallo e il macabro dell'horror-soprannaturale.
Uno dei film che ha consacrato il nome del regista romano nel nostro mondo. Da non perdere!

 

Articoli correlati
Altri articoli
  • Martedì, 25 Gennaio 2011
  • Da Super User

Due Nuovi Poster Internazionali per Shadow di Federico Zampaglione

  • Mercoledì, 04 Dicembre 2002
  • Da Pinhead

Spider

  • Lunedì, 25 Maggio 2009

The Uninvited

  • Mercoledì, 20 Marzo 2013
  • Da Ombra

La Madre

  • Lunedì, 17 Ottobre 2011
  • Da Paolo Spagnuolo

La Tredicesima Vergine

  • Venerdì, 25 Luglio 2008
  • Da taake81

Boogeyman 2: Il Ritorno dell'Uomo Nero

  • Mercoledì, 18 Gennaio 2006
  • Da Lucafly

Manhunter: Frammenti di un Omicidio

  • Martedì, 10 Gennaio 2012
  • Da Super User

Ecco il Trailer di Djinn di Tobe Hooper

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort