SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo
  • Home
  • News
  • The Walking Dead Stagione 3 Episodio 11 Giuda (I Ain't a Judas)

The Walking Dead Stagione 3 Episodio 11 Giuda (I Ain't a Judas)

Episodio 11: Giuda (I Ain't a Judas)
Original Air Date - 24 Febbraio 2012Data di messa in onda in Italia: 25 Febbraio 2012 su FOX TVRegia di Greg Nicotero, sceneggiatura di Angela KangI due fronti si stanno preparando al grande scontro, il momento della resa dei conti è ormai vicino.La guerra fra la gente di Rick e quella del Governatore rappresenta alla perfezione l'indole distruttiva e folle del genere umano. Persino in un mondo piegato dalla più spaventosa delle calamità, nel quale ci sono più morti che vivi ad aggirarsi indisturbati in ogni angolo del pianeta, l'uomo invece di pensare a non estinguersi definitivamente prosegue nella sua cieca guerra contro la sua stessa specie.La prigione e Woodbury sono come due piccole nazioni in conflitto: i popoli di ognuna sono convinti che l'unico modo per vivere in pace sia la distruzione dell'altra fazione, perchè è lì che risiede l'origine di ogni male. Poco importa con quali mezzi si raggiungerà l'obiettivo, il nemico deve essere eliminato.Il Governatore parte sicuramente avvantaggiato in questa guerra. Lui dispone di più uomini, più mezzi, più risorse in genere. Eppure sembra che tutto questo non sia sufficiente per il signore di Woodbury: lui pretende un vero e proprio esercito. Grazie anche alla collaborazione di Milton raduna tutti i cittadni che potrebbero impugnare un'arma, ragazzini compresi. Dovranno tutti imparare a sparare, perchè presto ce ne sarà bisogno.Andrea è venuta a conoscenza del blitz alla prigione e chiede spiegazioni al Governatore, che le racconta di essersi recato da Rick con intenzioni pacifiche, ma di essere stato attaccato. Legittima difesa quindi, la solita versione distorta della realtà che Andrea si beve per l'ennesima volta. Ma la donna tiene ancora ai suoi amici e si offre di fare da intermediario per trovare una soluzione che non costi la vita a nessuno. Ma Woodbury è letteralmente sigillata, nessuno può entrare o uscire, quindi Andrea chiede a Milton di aiutarla a fuggire senza dire nulla al Governatore. L'uomo accetta, ma solo perchè, dopo aver spifferato tutto al suo capo, riceve il suo ok, quindi parte con Andrea per i boschi a caccia di uno zombi. La strada è lunga e i non morti sono ovunque, quindi la donna intende servirsi della tattica di Michonne: trasformare uno zombie in un innocuo pezzo di carne ambulante al guinzaglio, in modo tale da tenere lontano con il suo odore le altre creature.The Walking Dead Stagione 3 Episodio 11 GiudaNe trovano uno, ma non è solo e la situazione sembra volgere al peggio, quando sopraggiunge il gruppo di Tyreese, che vagava nel bosco dopo essere stato allontanato da Rick. Milton si offre di accompagnare lui e i suoi compagni a Woodbury, mentre Andrea, zombie-munita, prosegue sino alla prigione.Qui le cose non vanno certo meglio. Anzi.Gli zombie liberati dal furgoncino del Governatore infestano ormai le aree circostanti all'ingresso del carcere; eliminarli tutti significherebbe sprecare munizioni, pessima idea visto che il nemico potrebbe arrivare da un momento all'altro. Ma i viveri scarseggiano, sono stanchi, sarebbero in grado di sostenere un attacco in massa? C'è chi propone di fuggire, chi come Daryl intende combattere. E poi c'è Rick, con il suo sguardo vuoto, assente, che sembra ormai vivere per inerzia, alla continua ricerca dello spettro di Lori con il suo binocolo. Hershel lo scuote, lo sprona a tornare quello che era. E' naturale che sia sconvolto, dopo quello che è successo, ma ora non c'è tempo per il dolore. Rick deve tornare ad essere un leader. Le sue parole non sembrano avere un grande effetto; lo colpiscono di più quelle di suo figlio Carl, che con la classica schiettezza dei bambini gli consiglia di lasciare il comando a Daryl e Hershel, che è bene che si prenda una pausa.The Walking Dead Stagione 3 Episodio 11 GiudaC'è poi da risolvere la grana di Merle. Glenn propone di offrirlo come merce di scambio al Governatore, un gesto di pace, ma l'idea cade subito nel vuoto. Michonne preferisce ignorarlo, nonostante l'uomo abbia provato, a modo suo, a farle capire che quando ha cercato di ucciderla stava solo eseguendo degli ordini. Eppure, come dice Hershel, Merle è un ottimo acquisto per il gruppo in una situazione come questa: è un esperto di tattica militare e di caccia, sa cavarsela nel seguire le tracce, è molto legato al fratello Daryl. E poi, non dimentichiamocelo, sa che il Governatore lo vuole morto ad ogni costo: non gli conviene fare lo stronzo con Rick e i suoi. Molto meglio tenerseli vicini perchè al momento sono gli unici alleati di cui dispone.Andrea arriva alla prigione.Ritrova tutti i suoi amici, almeno quelli rimasti in vita. Ma non lo si può certo definire un benvenuto: Rick e gli altri non la guardano più con gli stessi occhi, non dopo quello che è successo. Lei prova a spiegare, non aveva la minima idea che la gente contro la quale stesse combattendo il Governatore fossero loro. Ci deve essere una soluzione pacifica che ponga fine alla guerra, Woodbury può accoglierli tutti.Nell'appello di Andrea viene fuori tutta l'ingenuità della donna, la sua convinzione di avere accanto un uomo giusto, che opera davvero per il bene dei suoi cittadini e basta. Andrea ha vissuto, forse anche consapevolmente, in un mondo ovattato fatto di bugie. Glielo dice Merle, glielo dice Rick, che le racconta come si sono realmente svolti i fatti in occasione dell'attacco con l'autobus-zombie. Michonne la accusa di aver preferito un letto caldo ad un'amica e di come il Governatore abbia cercato di ucciderla. Quell'uomo è una bestia, per Rick e gli altri merita di morire. Non ci sarà alcuna tregua. Carol offre ad Andrea una possibilità di riscatto: uccidere il Governatore nel sonno.L'occasione le si presenta la notte stessa in cui torna a Woodbury. Lei e il Governatore sono a letto, lui dorme. Andrea afferra il coltello che le ha dato Rick, la lama è a pochi centimetri dalla gola di Philip...ma all'ultimo ci ripensa. Con questo gesto la donna ha scelto in modo definitivo da che parte stare. Casa sua, come lo stesso Governatore le ha ricordato quando è tornata, è Woodbury. Però ora Andrea non ha scusanti di alcun tipo. Lei sa che il suo uomo sta per scatenare una guerra contro i suoi vecchi compagni, lei sa in che condizioni vivono ora Rick e gli altri, che molto probabilmente non avranno scampo. Ma ha scelto.Il Governatore ha poi un asso nella manica: Tyreese. Quest'ultimo sa come entrare indisturbato nella prigione e farà di tutto pur di conquistare la fiducia del signore di Woodbury e di mettere al sicuro lui e i suoi amici.La vedo grigia per il gruppo di Rick.

 

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort