SplatterContainer Logo
SplatterContainer Logo
  • Home
  • News
  • Dexter Stagione 7 Episodio 5 - Nuotare negli Abissi (Swim Deep)

Dexter Stagione 7 Episodio 5 - Nuotare negli Abissi (Swim Deep)

Episodio 5: Nuotare negli Abissi (Swim Deep)
Original Air Date - 28 Ottobre 2012Data di messa in onda in Italia: 10 Dicembre 2012 su FOX Crime
Regia di Ernest Dickerson, sceneggiatura di Scott Reynolds Temevo che questa settima stagione di Dexter potesse deludermi. Dopo il finale un po' furbetto della precedente e le pulsioni sessuali di Debra nei confronti del fratello, il rischio del "Salto dello Squalo" era altissimo. Mi sbagliavo. Sarà forse prematuro dirlo, visto che ci troviamo solo alla quinta di dodici puntate, ma questa è una delle più belle Stagioni in assoluto del nostro serial killer ematologo. Ciò che la rende così interessante è l'intreccio di più storie che proseguono autonomamente da quella principale, ognuna delle quali avvincente e ben strutturata. Stesso discorso per i nuovi personaggi, mai lasciati al caso o inseriti nel contesto tanto per allungare il brodo...e le puntate. Pensiamo ad esempio a Ray Speltzer. E' durato giusto un paio di episodi ma è stato degno di mettersi al pari con gli altri importanti serial killer di punta che hanno caratterizzato le precedenti stagioni. E la divertente guerra fredda fra Dexter e Louis Greene? C'è poi la figura oscura di Hannah McKay, un detective Quinn sempre più macchiato dalla corruzione, le indagini di una Maria LaGuerta convinta che qualcosa non vada nel dipartimento, il rapporto fra Dexter e Debra, che forse si stanno conoscendo per la prima volta soltanto ora. E poi c'è lui. Secondo me il più pericoloso fra gli avversari di Dexter: Isaak Sirko. Ma torniamo a Nuotare negli abissi, il titolo di questa ottima puntata. Dexter si sta occupando della manutenzione della sua barca e durante le pulizie scopre delle tracce di sangue. Qualcuno è stato ucciso. Non è certo una sorpresa che sulla Slice of Life bazzichino cadaveri, ma il suo proprietario è sempre stato molto attento a non lasciare alcun segno della loro presenza. Di chi si tratta quindi? Non ci vorrà molto per scoprirlo, è pur sempre il pane quotidiano di Morgan. Grazie ad un campione di sangue arriva infatti la risposta: è Louis Greene. Ancora pieno di interrogativi, Morgan torna a casa, ma proprio mentre sta per infilare la chiave nella serratura nota un dettaglio piuttosto insolito: la tenda è aperta. E' evidente che qualcuno lo sta aspettando all'interno dell'appartamento, così fingendosi un suo amico chiama in casa lasciando un messaggio per un appuntamento in un locale. Isaak, che stava pazientemente seduto ad attendere il ritorno di Dexter con pistola e diversi giocattoli di tortura al seguito, abbocca. I due si parlano a distanza tramite un telefono, forse la circostanza migliore per conoscersi visto quello che vorrebbero farsi a vicenda. Sirko fa capire a Morgan di essere deciso a farla pagare a tutti quelli che sono coinvolti con la morte di Viktor, ovvero lui, sua sorella Debra e i poliziotti del distretto. Dexter avvisa subito Deb, che scopre così che è stato il fratello ad aver ucciso Baskov, altro che fuga. Non solo. Dexter la informa di aver nascosto al dipartimento le prove della colpevolezza di Viktor per potersene occupare in piena libertà. Più passa il tempo più Debra si rende conto di quanto suo fratello abbia condizionato il lavoro della polizia; da quando ha scoperto che Dexter è un serial killer è stata costretta ad insabbiare già tre omicidi...non può andare avanti così. Ma ora non c'è tempo per discutere, occorre proteggersi dall'ira di Isaak. Meglio andare a stare in un motel, almeno fino a quando Dexter non avrà trovato il modo per eliminare il boss della fratellanza Koshka. Ma occupiamoci di Hannah McKay. L'affascinante biondina sta aiutando la polizia a ritrovare i corpi delle ultime vittime di Wayne Randall, il suo ex compagno. E' il suo legale che le ha consigliato di collaborare e per la polizia la donna ha vissuto quel periodo in compagnia del killer come una sorta di ostaggio. Ma Dexter riesce a vedere oltre le semplici apparenze, soprattutto lui sa riconoscere i suoi simili. Hannah è stata una complice a tutti gli effetti di Wayne, lei stessa ha ucciso delle persone. Lo scopre Morgan durante il ritrovamento di due cadaveri, una giovane coppia. Alcuni indizi infatti la inchiodano, nonostante ciò Dexter non rende pubbliche le prove, anche se racconta tutto ad Hannah. Cosa ha in serbo per lei? Vuole ucciderla oppure è caduto vittima di quegli occhioni? Ci sarà modo per scoprirlo, ora c'è da risolvere la faccenda Sirko. Quest'ultimo pedina Dexter a bordo della propria auto, ignaro della trappola che il nostro ematologo gli sta per tendere. Parcheggiata la macchina, Dexter entra in uno squallido bar e, guardando uno dei gestori, fa cenno che sta entrando qualcuno della fratellanza Koshka. Un affronto per un luogo gestito dai colombiani, acerrimi nemici dei criminali ucraini. Poi si dilegua in uno dei bagni, scappando dalla finestra. A quel punto tutti si apprestano ad accogliere Isaak, che non tarda a farsi vivo. Divertente la smorfia che fa Sirko quando si rende conto di ciò che gli ha combinato Dexter: sorride, quasi divertito, come per dire:"Ah, bricconcello me l'hai fatta". La chiamata in centrale arriva come previsto: omicidio in un locale colombiano. Debra, Batista, Masuka, Quinn e Dexter giungono sul posto...e trovano un massacro. Morgan si aspettava di vedere steso al suolo in una pozza di sangue Isaak, ma con sua grande sorpresa tra i cadaveri manca proprio il suo. Pazzeco pensare che abbia fatto tutto da solo, ma è così. "Quindi cerchiamo una specie di Terminator" risponde Debra quando il fratello ricostruisce ad alta voce le dinamiche degli omicidi. Forse questa volta c'è un modo per risolvere il problema in modo pulito. C'è anche il sangue del killer sulla scena del delitto, una volta esaminato si scoprirà l'autore di quel macello. Per la prima volta leggo negli occhi di Dexter una certa preoccupazione, forse si è reso conto di trovarsi di fronte ad un mostro molto più forte e determinato di lui. Come previsto, il sangue è di Isaak, che ammanettato viene condotto in prigione, dove rimarrà per molto tempo. Sarà sufficiente per placare la sete di vendetta del boss? Assolutamente no, lo dice chiaramente lo stesso Isaak ad un Dexter particolarmente scosso. Prima o poi si rincontreranno... Dexter fa un'altra clamorosa scoperta: se non fosse stato per Debra ora sarebbe seriamente nei guai. LaGuerta sta proseguendo la sua personale indagine dopo aver trovato il vetrino nella Chiesa. Ha intenzione di servirsi degli appunti di Frank Lundy relativi al Macellaio di Bay Harbor, che potrebbe a questo punto essere ancora vivo...e magari circolare indisturbato nel distretto. Per scoprirne di più decide di sentire tutti i familiari delle vittime del killer, cominciando da quella di un fotografo che Dexter fece fuori nel 2007. Il giorno della sua scomparsa, l'uomo aveva realizzato un servizio fotografico per un matrimonio; forse il suo assassino è stato immortalato tra gli invitati. Fortunatamente Debra, che LaGuerta coinvolge nel caso, si accorge che fra i vari scatti ce n'era uno in cui si vedeva molto chiaramente il suo dolce fratellino psicopatico. Ancora una volta sarà costretta a mentire, ad agire in modo scorretto per lui. Fa sparire la foto e la consegna a Dexter, che la ringrazia. Ha dovuto anche ordinare a un amico come Batista di smettere di cercare ulteriori piste per il suicidio di Alex Dubrozny, secondo lui totalmente estraneo alla morte di Viktor e dell'agente Mike Anderson. C'è invece chi sembra non avere alcuno scrupolo pur di intascarsi una bella mazzetta. Mi riferisco a Quinn, che in nome dei vecchi tempi trova un pacco di soldi sul sedile della sua auto. Il mittente è George Novikov, che conosceva le abitudini poco ortodosse del poliziotto dagli anni in cui quest'ultimo lavorava nella squadra narcotici.

 

 

Copyright © Splattercontainer | Informativa sulla Privacy | Powered by Tix Production

 

  • gunceladres.top - bahis siteleri - casino siteleri - alanya escort